Report mensile dell’energia solare (mese di maggio). Fra alti e bassi vediamo com’è andata….

351

Il mese di maggio dal punto di vista meteorologico è apparso “pazzerello”, quasi dicono sia  normalmente il mese di marzo. Tuttavia dobbiamo dire che per quanto riguarda la produzione di energia elettrica da fotovoltaico, l’andamento dall’inizio del mese di maggio è stato ottimo, come si osserva dalla tabella sottostante:

Cosa significa tutto questo? Grazie all’irradiazione solare che c’è stata dall’inizio del mese al 25/5/2015, una famiglia che avesse installato pannelli fotovoltaici, avrebbe potuto produrre tanta energia elettrica pari alla percentuale riportata nell’ultima colonna di destra (% copertura). Un esempio? Roma ha avuto il 167% della copertura dei fabbisogno di energia elettrica necessaria per una famiglia; vale a dire, grazie ai pannelli fotovoltaici ed al sole che c’è stato a Roma, si sono potuti  coprire tutti i fabbisogni energetici della famiglia più la televisione più i grandi elettrodomestici del vicino. Non male!

Per il solare termico si puo fare lo stesso discorso, soltanto che si parla di acqua calda, ovviamente.

 

Se si osserva la seconda colonna, in quasi tutte le città in pratica (sempre grazie all’irradiazione solare che si è avuta dal 1° al 25 maggio) chi ha installato pannelli solari termici sul tetto di casa ha potuto ottenere una copertura del 100% dei fabbisogni di acqua calda mentre nel caso peggiore, a Trieste, in città si sono scaldate “soltanto” 8 docce su 10 cole sole ed il resto lo ha fatto la caldaia. Da notare anche le successive colonne che indicano i m3 di gas risparmiati (nel caso di caldaia a metano) o kWh risparmiati (nel caso di scaldabagno elettrico).

Print Friendly, PDF & Email