La casa di domani fa risparmiare oggi

54

Dalla collaborazione tra l’Unione Nazionale Consumatori e Leroy Merlin nasce “Casa di domani”, l’applicazione pensata per smartphone e tablet che vuole aiutare l’utente nella gestione della propria abitazione. Per ogni dispositivo a basso consumo elencato nell’app – sistemi di irrigazione automatizzati, fonti luminose a basso assorbimento, rubinetti bicomando, caricatori solari etc – esiste una scheda illustrativa che ne facilita la gestione indicandone la famiglia d’appartenenza. Tra le diverse funzionalità compaiono anche consigli utili all’acquisto e tool di calcolo per conteggiare, ad esempio, il numero di piastrelle e listelli di parquet o quantificare la vernice per le pareti, escludendo porte e finestre.

A spiegarci qual è la mission di questa iniziativa è Massimiliano Dona, Segretario generale dell’UNC.

L’Unione Nazionale Consumatori ha individuato nelle applicazioni per smartphone e tablet un ottimo canale di informazione per aiutare i consumatori a scegliere in modo consapevole. Grazie ad esse, infatti, ogni consumatore può avere sempre a portata di mano uno strumento gratuito per una rapida consultazione. L’idea di realizzare un’app in collaborazione con Leroy Merlin è nata dal voler aiutare i consumatori a realizzare una casa capace di far risparmiare, evitando gli sprechi. Per questo motivo, oltre ai prodotti, sono stati implementati dei tool di misurazione per il “fai da te”, per avere in un’unica applicazione tutto quello che serve a creare la “Casa di domani”.

A Luca Pereno, Responsabile Coordinamento Sviluppo Sostenibile Leroy Merlin Italia, chiediamo invece di mostrarci nel dettaglio il funzionamento dell’applicazione.

L’App è un breve percorso guidato utile a illustrare azioni che possono essere svolte facilmente e che, con la stessa semplicità, permettono di risparmiare risorse ambientali ed economiche. Per poter scegliere in modo consapevole i prodotti e come utilizzarli, nell’App sono inseriti preziosi consigli da considerare prima e dopo aver comprato casa. Completano l’offerta formativa i tool di calcolo per prendere le misure, quantificare il numero di piastrelle o listelli di parquet che servono per il pavimento e, ancora, sapere quanta vernice acquistare per le pareti, escludendo porte e finestre. Alcuni consigli sono spiegati attraverso dei tutorial: il primo spiega quali sono le energie rinnovabili, il secondo perché è importante l’isolamento termo acustico, il terzo consiglia come scegliere il legno e il quarto mostra come fare a non sprecare l’acqua.

Per educare alla sostenibilità l’utente occorre partire dal singolo lavoratore?

La “condivisone del sapere” è fondamentale e ha molteplici significati: condivisione vuole dire creare un’azienda nella quale i collaboratori sono felici di lavorare e in cui i guadagni sono ripartiti tra azionisti e collaboratori; indica la voglia di trasparenza nel rendere partecipi tutti della vita dell’impresa; e offre l’opportunità di costruire un’azienda dove ogni collaboratore, come un imprenditore, può prendere iniziative e decisioni. La trasmissione delle conoscenze avviene attraverso la formazione e l’informazione che quotidianamente ci permettono di sviluppare le nostre capacità personali e professionali. In questo percorso, la formazione sulle tematiche dello sviluppo sostenibile è fondamentale (sia a livello prodotto e sia a livello comportamentale) soprattutto in un’ottica di passaggio delle informazioni al cliente. 

Dr. Pereno è corretto pensare alla smart home come la casa che fa risparmiare?

Sicuramente l’utilizzo di prodotti per una smart home possono aiutare il consumatore nella vita quotidiana. In Leroy Merlin Italia, ad esempio, abbiamo cercato di tradurre questa idea in una serie di prodotti all’interno della gamma “creiamo la casa di domani” identificati come “la casa comoda da vivere”; soluzioni che rendono più facile la vita in casa e facilitano l’atto del bricolage.

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Ivonne Carpinelli
Giornalista con la passione per l'ambiente e l'energia lavoro con Gruppo Italia Energia dal 2014. Mi occupo di mobilità dolce e alternativa, nuove costruzioni, economia circolare, arte e moda sostenibile. Esperta nella gestione dei social network e nel montaggio video non esco mai senza penna, taccuino e... smartphone.