Anche il Giubileo pensa a Flootta car pooling

61

Floota

Un nuovo modello di business, capace di sorpassare il concorrente Bla Bla Car e di caricare nuovi passeggeri sulle brevi distanze. Parliamo di Flootta car pooling, il servizio business to business per la condivisione dei viaggi nato nel 2011 da un’idea di Inno.vìe Srl, start-up acquisita dal Gruppo Cinetix.

Ad oggi la nostra piattaforma risponde a cinque diverse esigenze di spostamento: quella dei dipendenti di aziende o pubbliche amministrazioni, di chi deve recarsi ad un evento, di chi deve andare all’università o a scuola e di chi appartiene a gruppi di amici o associazioni, come quelle sportive – ci spiega Nicola Brunelli, Software Manager di Inno.vìe Srl -. Flootta Hub, pensato per i pendolari, è usato dai 3500 dipendenti della Provincia autonoma di Trento che si spostano tra gli uffici del territorio”. In questo modo la Provincia può monitorare gli spostamenti casa-lavoro dei propri dipendenti, stilare una classifica dei più virtuosi e premiarli alla fine dell’anno in base ai km percorsi. E altre imprese si stanno interessando al servizio: c’è chi dispone di una navetta bus che viaggia vuota e chi, come Ikea, pensa ad incentivare l’uso di passaggi condivisi e in cambio “offrire omaggi o assicurare il parcheggio dedicato”.  Il Comune di Rovereto, invece, sfrutta il Flootta Daily, proprio per gli spostamenti quotidiani dei lavoratori.

Il sistema di premialità è pensato anche per gli studenti universitari: Flotta Hub può essere integrato su qualsiasi piattaforma dedicata e sfruttato da studenti e dipendenti loggandosi alla pagina personale. “Il mobility manager dell’Università di Trento accede ad un’area riservata dove può visualizzare le classifiche dei passaggi effettuati e, a fine anno, premiare lo studente universitario più meritevole (magari con un abbonamento di 2 giorni per sciare in Alto Adige)”.

C’è poi Flootta School per i più piccoli dove i genitori che accompagnano i figli a scuola possono coordinarsi sfruttando il proprio smartphone: “Ad oggi serviamo circa 30 scuole del Veneto e siamo in trattativa con 90 pugliesi, a Bari”. Anche in questo caso viene calcolato il risparmio potenziale ed effettivo di CO2 e i km percorsi.

Lo stesso servizio è sfruttato dalle associazioni sportive, mentre per i grandi eventi c’è Flootta Events pensato per spostamenti sporadici: “L’applicativo e il widget web viene inserito sul sito degli organizzatori dove, chi consulta la sezione ‘come raggiungerci’, può anche cercare passaggi condivisi. Per questo servizio siamo in trattativa anche con il Giubileo”.

Flootta car pooling consente di superare lo scetticismo del ‘viaggio con lo sconosciuto’ ed è il “primo certificato LEED. L’azienda che lo adotta può accumulare punti al fine di ottenere una certificazione LEED o di mantenere certificati già acquisiti”.

Il servizio non si ferma qui: “Abbiamo avviato una serie di attività di consulenza e formazione: non solo per genitori e studenti, ma anche per comuni e aziende. Il responsabile della scuola, ad esempio, deve controllare la regolarità del servizio, mentre il genitore deve avvertire gli altri se il figlio è malato e non effettuerà il servizio di passaggio”.Flootta car pooling

 

Print Friendly, PDF & Email