Banche, l’efficienza si fa al mercato… del gas

Conoscenza e specializzazione: sono queste le necessità che i mercati liberalizzati dell’energia stanno evidenziando, tanto da rendere necessario un continuo e costante monitoraggio al fine di cogliere opportunità in termini di saving sui contratti di fornitura e di individuazione di best practices per una gestione ottimizzata e razionale delle utenze.

Soprattutto il mercato del gas, che mostra nei recenti aggiornamenti normativi importanti trasformazioni e un sempre maggiore avvicinamento ai riferimenti di mercato dei principali Paesi europei, evidenzia come il terziario possa individuare strategie che rendono i propri contratti di approvvigionamento competitivi e con impatto positivo sul budget energetico. In questo contesto il tema della gestione delle utenze, soprattutto nel mercato del gas, riveste un ruolo cruciale a maggior ragione per un cliente del settore terziario con caratteristiche di multisito, come le banche. Esistono infatti ancora diversi ostacoli e vincoli che rendono tale gestione di difficile superamento.

Partendo dal contesto sopra descritto, ABI Energia, Competence Center di ABI Lab sull’Energia e l’ambiente, nell’ambito delle attività dell’Osservatorio sul mercato dell’energia elettrica e gas  ha avviato nel mese di aprile la Survey “Acquisto, Gestione del contratto di fornitura di energia e Qualità del Servizio offerto: il punto di vista delle banche” che ha l’obiettivo da un lato di indagare la qualità dei livelli di servizio dei fornitori di energia percepiti dalla clientela bancaria dall’altro di analizzare l’approccio all’acquisto delle banche in termini gestionali ed organizzativi.

In particolare, nella prima parte della Survey, è stato richiesto alle banche di rispondere ad alcune domande in base alle esperienze maturate nei rapporti commerciali con i diversi fornitori a partire dal 2010. Dalla indagine è emerso come alcune difficoltà riscontrate dagli operatori nel rispondere alle esigenze delle banche siano in parte imputabili anche a caratteristiche intrinseche del mercato stesso causati dall’incertezza dei dati di misura e dal tipo di cliente bancario caratterizzato da moltissimi siti di consumo, non solo dislocati su tutto il territorio nazionale ma anche con consumi singolarmente poco significativi.

Ad ogni modo, per quanto attiene al mercato del gas, le valutazioni dei diversi kpi, pur partendo da livelli di insufficienza nel 2010, mostrano un progressivo miglioramento negli anni successivi. In questo ambito sono attesi ad oggi ulteriori sforzi da parte del mondo dell’offerta per poter soddisfare appieno le esigenza dei clienti multisito.

La seconda parte della Survey si è focalizzata sugli aspetti legati alle policy interne della banca con particolare riferimento agli aspetti organizzativi e gestionali che caratterizzano il processo decisionale che porta alla sottoscrizione di un’offerta di fornitura. Da qui è emerso come l’esigenza di coniugare offerte con scadenza temporale sempre più ristretta con tempi decisionali ritenuti dai fornitori incongruenti con le dinamiche dei mercati energetici, ha fatto sì  che  i fornitori, a fronte dell’estrema volatilità dei mercati dell’energia elettrica e gas, hanno dovuto optare per una validità temporale delle offerte sempre più ridotta. Tale fenomeno ha fatto anche sì che molte banche si dotassero di policy interne capaci di snellire notevolmente il tempo di approvazione di un’offerta, riducendolo in molti casi ad un solo giorno.

Le evidenze qui riportate sono solo alcune indicazioni dei temi che saranno  affrontate nell’ambito dell’evento organizzato da ABI Lab a Milano il prossimo 10 giugno, presso il centro congressi di ABI, in via Olona 2. In particolare, il tema dell’acquisto del gas naturale e della gestione in termini di efficienza energetica saranno trattati nel corso Workshop da un lato attraverso  il confronto tra i principali attori del Sistema che esporranno i propri punti di vista sul mercato, dall’altro tramite la presentazione dettagliata dei risultati della Survey “Acquisto, Gestione del contratto di fornitura di energia e Qualità del Servizio offerto: il punto di vista delle banche” che ha visto la partecipazione di 18 istituti di credito.

Print Friendly, PDF & Email