“La possibilità di trasmettere gli APE (attestato di prestazione energetica) ai sistemi informativi predisposti dalle Regioni grazie ad un file di interscambio, generato automaticamente”.  E’ questa la novità più importante della nuova versione di DOCET, il software semplificato per la certificazione degli edifici residenziali esistenti destinato a tecnici e operatori del settore edilizio, disponibile online da inizio maggio. Grazie a questa soluzione, si legge sul sito dell’ENEA, “è consentito anche il trasferimento degli APE dai sistemi regionali al Sistema Informativo sugli Attestati di Prestazione Energetica a livello nazionale (SIAPE), la banca dati istituita da ENEA al fine di recepire tutti gli APE degli edifici a livello nazionale”.  Lo strumento è stato reso disponibile dall’ENEA in collaborazione con l’Istituto per Tecnologie della Costruzione del CNR.

Un aggiornamento

Il software, la cui nuova versione è denominata v.3.18.04.50, è utilizzabile per immobili con superficie fino a 200 m2 non soggetti a ristrutturazioni importanti. L’aggiornamento – spiega l’ENEA sul suo sito – “si è reso necessario a seguito dell’implementazione di nuove specifiche tecniche fornite dall’UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione), relative alla determinazione delle prestazioni energetiche e sui dati climatici relativi al riscaldamento e al raffrescamento degli edifici”.

Un’ulteriore versione in fase di sviluppo

Un’ulteriore versione del software è già in fase di sviluppo e prevede che il file generato dal software contenga, oltre alle informazioni contenute nell’APE, anche una serie di dati di input inerenti le caratteristiche dell’edificio, e di output, sui risultati di calcolo intermedi e finali.

Print Friendly, PDF & Email