Green technolgy award 2016, il premio di Schneider Electric per promuovere l’efficienza nelle scuole

398

La riqualificazione energetica – con particolare attenzione agli aspetti termici –  di un’intera struttura scolastica attraverso l’adozione di soluzioni di gestione, di controllo e di automazione con un risparmio economico stimato  che potrebbe arrivare fino a 18.500 euro l’anno e vantaggi in termini di impatto ambientale.  E’ il progetto, intitolato “Teniamo al caldo le idee”,   con cui  Giorgia Mogna e Luisa Tolosano, una coppia di studentesse dell’ITIS “Delpozzo” di Cuneo, si sono aggiudicate il primo premio della sesta edizione  del  “Green Technologies Award”, il concorso nazionale organizzato da Schneider Electric per promuovere negli istituti di formazione secondaria superiore e nei centri di formazione professionale un uso efficiente saostnibile e interconnesso dell’energia. La motivazione che ha portato la giura di esperti ad assegnare alle due studentesse il premio di 10.000 euro (di cui 8000 in prodotti per le attività didattiche della scuola)  è legata al fatto che il progetto presentato è “completo e replicabile, chiaramente illustrato, con una metodologia coerente con l’innovazione della tecnologia utilizzata, una  soluzione  perfettamente in linea con gli obiettivi del concorso e  particolarmente sensibile al rispetto delle tematiche ambientali”.

La classifica di Green Technologies Award prosegue con il secondo classificato, il CFP Tosoni di Villafranca di Verona che ha ricevuto un premio da 7.000 euro di cui 5.500 in prodotti; il terzo posto per l’IISS Majorana di Martina Franca (TA), che ha ottenuto un premio da 5.000 euro di cui 4.000 in prodotti; il quarto e quinto posto rispettivamente per l’ IIS Bonghi di Lucera (FG) e l’IIS Cravetta – Marconi di Savigliano (CN) che si sono aggiudicati un premio da 2.000 euro, di cui fa parte anche un kit di automazione o domotica per le esigenze didattiche dell’istituto.

“Green Technologies Award, giunto alla sesta edizione, ha l’obiettivo di far crescere le future generazioni nella consapevolezza che l’utilizzo efficiente e sostenibile dell’energia è essenziale per il nostro futuro, attraverso la proposta di una competizione che stimola gli studenti a mettere in gioco i propri talenti e sviluppare la propria creatività progettuale, applicandole alle realtà che più vivono da vicino: le loro scuole, le loro comunità”, ha spiegato Gianfranco Mereu, Responsabile delle Relazioni con le Scuole e le Università di Schneider Electric. 

Una tappa quella della partecipazione al concorso che ha addirittura portato a un percorso ulteriore legato alla realizzazione concreta di alcuni progetti degli studenti, come nel caso dell’efficientamento del laboratorio di un istuto tecnico di Cuneo e di un negozio di una catena di intimo di Campobasso in cui, cui dopo la diagnosi energetica realizzata dai ragazzi,  si è scelto di applicare le soluzioni in un punto vendita. 

Quest’anno per la prima volta la manifestazione ha visto, inoltre,  l’introduzione di un  “Premio Connettività” dedicato al miglior progetto con l’impiego di soluzioni “connesse”, una scelta in linea  con la sempre maggiore rilevanza assunta da soluzioni legate all’internet of things, tema che orienterà la prossima edizione del concorso. Il riconoscimento è stato assegnato agli studenti dell’IIS S.Pertini – L.Montini – V.Cuoco di Campobasso per il progetto “Domo Swimming”,  che prevede l’utilizzo di dispositivi comunicanti e connessi per la  realizzazione dell’impianto di automazione di una piscina, incluso anche il quadro di distribuzione elettrica.  

Ma il concorso è solo una delle tante iniziative che Schneider Electric dedica al mondo della scuola con l’obiettivo di promuovere tra i giovani consapevolezza e conoscenza tecnologica relativa a una gestione smart dei consumi energetici e di fare da ponte, attraverso esperienze pratiche, con il mondo del lavoro.   “Schneider Electric da oltre 20 anni  ha un’attività molto ampia dedicata alle scuole che comprende corsi di formazione per docenti, materiali per la didattica e il potenziamento dei laboratori, incontri e seminari tecnici nelle scuole e organizzazione di concorsi e competizioni per andare a identificare le eccellenze all’interno delle scuole, oltre che  progetti validi che possono anche essere attuabili. Non a caso uno dei criteri di selezione è la replicabilità dei progetti” ha spiegato a Canaleenergia Mereu.

Oltre al Green Technologies Award, che si tiene con cadenza annuale,  c’è poi  “Think Green Be Efficient “ il concorso biennale promosso da Schneider Electric con Kyoto Club ed EnSiEL e patrocinato dai Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economicoche premia la migliore tesi di laurea sull’efficienza energetica”, ha spiegato a Canaleenergia Mereu.  

 In questo caso chiediamo agli studenti prossimi alla laurea di realizzare la tesi su un progetto di efficentamento energetico degli edifici, in pareticolare grandi edifici come supermercati banche, edifici pubblici. L’anno scorso hanno partecipato 50 studenti e 18  diverse università  italiane”, ha concluso il manager.

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Monica Giambersio

Giornalista professionista e videomaker. Laurea specialistica in Filosofia, master in giornalismo multimediale. Collaboro con Gruppo Italia Energia dal 2013.