Sacchetti di plastica leggeri e contenitori per alimenti in polistirene espanso (tazze e vaschette) per consumo immediato (fast-food) o asporto (take-away). Questi sono alcuni degli oggetti inseriti nella lista di articoli in plastica monouso che l’Unione Europea intende bandire dal mercato comunitario entro il 2021. La Commissione Ambiente di Strasburgo ha  votato oggi la proposta della Commissione Europea sulla limitazione dell’uso delle plastiche monouso. I voti favorevoli sono stati 51, 10 i contrari e tre gli astenuti. Il testo prevede il divieto di articoli come bastoncini per le orecchie, posate, piatti, cannucce.

Target di riciclo per le bottiglie in plastica

Tra i punti approvati nel testo anche la riduzione del consumo entro il  2025 di articoli monouso per i quali non esistono attualmente alternative valide e un innalzamento del target di riciclo delle bottiglie in plastica al 90% entro la stessa data.

Mozziconi di sigaretta e reti per la pesca

Fissati degli obiettivi di riciclo anche per i mozziconi di sigarette e per le reti da pesca che devono essere ridotti rispettivamente del 50% entro il 2025 e dell’80% entro il 2030. A questi settori dovrà inoltre essere applicato il principio della responsabilità estesa del produttore.

In plenaria a fine ottobre

A fine ottobre la relazione della Commissione dovrebbe essere sottoposta all’esame della plenaria del Parlamento.

Print Friendly, PDF & Email