Promuovere una la cultura della legalità attraverso i valori della sostenibilità ambientale e del riciclo dei rifiuti, porre attenzione all’efficienza energetica e alla scelta di materiali sostenibili come il vetro. Si moltiplicano le iniziative per coinvolgere giovani e famiglie nella sfida della sostenibilità. In questi giorni diverse iniziative sono volte al termine. Di seguito alcune iniziative realizzate da cui prendere punto per i prossimi concorsi.

Fotografare la sostenibilità, il concorso RiciClick

Il concorso RiciClick, ideato da Agrorinasce la Società pubblica consortile che si occupa del recupero a uso pubblico e sociale dei beni confiscati alla camorra ha premiato le clip e le fotografie che hanno saputo rappresentare al meglio l’idea di sostenibilità e di riuso della plastica, dell’alluminio e della carta.

I partecipanti ospitati nella sede del GSE

Per il secondo anno consecutivo i 100 partecipanti del concorso sono stati ospitati nella sede del GSE a Roma. Si tratta di studenti provenienti dai Comuni di Casal di Principe, Casapesenna, S. Cipriano D’Aversa, S. Marcellino, S. Maria La Fossa e Villa Literno, che hanno inviato i loro video e i loro scatti al contest.

Il Presidente del GSE, Francesco Sperandini, si legge in una nota, ha sottolineato come: Uno degli obiettivi che il GSE persegue è quello di impegnarsi per lasciare alle generazioni future un mondo più pulito di come lo abbiamo trovato. Tutti noi siamo chiamati a dare un contributo, come quello lasciato dai ragazzi premiati oggi”.

Una piattaforma online per insegnare la sostenibilità

Se RiciClik puntava su foto e video per far riflettere i ragazzi sull’importanza di un approccio sostenibile alla tematica dei rifiuti, il progetto Energeticamente, ormai concluso, ha invece messo a disposizione degli studenti una piattaforma on-line completa di percorsi didattici e attività ludiche per promuovere comportamenti virtuosi in tema di tutela ambientale. L’iniziativa, promossa  dalla multiutility italiana Estra e da Legambiente ha coinvolto le classi degli ultimi due anni delle scuole primarie e le scuole secondarie di I° grado del territorio nazionale. L’obiettivo era sensibilizzare gli alunni sui temi dell’energia pulita, del risparmio energetico per far conoscere loro i vantaggi dello smart living e delle nuove tecnologiche a tutela dell’ambiente.

Il concorso ‘Energia in squadra’

Nell’ambito del progetto è stato promossa l’iniziativa “Energia in Squadra”. Il concorso educativo è stato vinto da otto scuole italiane: la scuola primaria Raffaele Scauda di Torre del Greco (Napoli) in Campania, la scuola primaria Plesso Custodia di Polistena (Reggio Calabria) in Calabria, la scuola secondaria di I° grado Anastasio De Filis di Terni in Umbria, la scuola primaria Istituto Domus Mariae di Pescara in Abruzzo, la scuola secondaria di I° grado Antonio Gramsci di Colli al Volturno (Isernia) in Molise, la scuola primaria Karol Wojtyla di Bagheria (Palermo) in Sicilia, la scuola secondaria di I° grado Giuseppe Ungaretti di Grosseto in Toscana, la scuola primaria Luigi Sperandei di Camerano (Ancona) nelle Marche.

Gli 8 vincitori si aggiudicheranno come premio gli “EstraDay”, una giornata di festa e giochi sull’energia in cui i bambini e i ragazzi saranno protagonisti di azioni concrete di cittadinanza e si sfideranno a squadre su tematiche legate all’energia.

Ri-Energy, il concorso per le famiglie più smart

Il progetto Energeticamente ha coinvolto anche le famiglie dei ragazzi che hanno compilato un questionario sull’energia e sulle abitudini di consumo e di risparmio del proprio nucleo familiare. Al primo classificato nazionale andrà una City Bike elettrica, mentre ai primi classificati di Toscana, Marche, Umbria, Abruzzo, Campania, Molise, Calabria, Sicilia andrà una box contenente accessori all’insegna dello smart living. I nomi dei vincitori saranno resi noti entro il 31 maggio. 

“Siamo molto soddisfatti di come le novità digitali introdotte quest’anno a Energicamente siano state accolte con entusiasmo dai bambini e ragazzi coinvolti. Promuovere stili di vita consapevoli e responsabili tra i più piccoli significa anche riuscire a trovare gli strumenti adatti per comunicare con loro. Averlo fatto è un importante risultato“, ha spiegato Francesco Macrì, Presidente di Estra

Corsi per insegnanti e alternanza scuola – lavoro

Nel corso dell’iniziativa sono inoltre stati promossi corsi di formazione gratuiti in modalità e-learning per insegnanti e organizzati percorsi di alternanza scuola lavoro che hanno coinvolto 150 studenti delle secondarie di II° grado delle province di Arezzo, Prato, Siena, Ancona e Ascoli Piceno.

Il concorso Glass Circle, per imparare l’educazione ambientale a scuola

Le iniziative volte a promuovere tra i più piccoli concetti come riciclo e sostenibilità ambientale coinvolgono anche la filiera del vetro. Un esempio è il concorso Glass Circle, promosso da Assovetro e CoReVe nell’ambito del Protocollo d’Intesa sottoscritto con il MIUR. Si tratta di un progetto, quest’anno alla sua undicesima edizione, rivolto alle quarte e quinte delle scuole primarie e alle scuole secondarie di primo grado.  L’iniziativa, che prova a trasformare gli alunni in piccoli creativi, in totale ha registrato oltre 230 lavori (racconti, video, disegni, fumetti, canzoni ecc). 

“L’attenzione dei ragazzi per le qualità del vetro, un materiale riciclabile al 100%, che fa bene all’ambiente, è sicuro per la salute, preserva il gusto degli alimenti e delle bevande ed è sinonimo di economia circolare – commenta in una nota il Presidente dei produttori di contenitori in vetro di Assovetro, Marco Ravasi – Siamo sempre più convinti che l’educazione ambientale si impari sui banchi di scuola e questo Concorso è una piccola, ma qualificata iniziativa che va con successo verso questa direzione”. 

I progetti arrivati al primo posto

I vincitori di Glass Circle, premiati oggi a Roma presso il Teatro Vascello, sono stati  i seguenti:

  • per le Scuole Primarie i sono i componenti del Laboratorio di Cinema, tutti frequentanti la quarta elementare della Scuola “G. Rodari” di Verbania. I ragazzi hanno realizzato il lavoro “SOLO VETRO”, composto da un gioco di carte con tema i falsi amici del vetro e da un video recitato in dialetto dagli stessi ragazzi.
  • Per le Scuole Secondarie di primo grado, invece, il premio è andato alla 2A dell’Istituto Comprensivo “San Cesario” di San Cesario (Le), con il lavoro “VETRO GRANDE AMICO”.  Si tratta di un video che si svolge a Glassland, dove il vetro e tutte le sue qualità sono protagonisti.

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email