Quanto costa ristrutturare casa?

765

Quanto costa ristrutturare casa? Un’indagine dei siti Prontopro.it e Immobiliare.it ha provato a rispondere con un modello di riferimento

Una recente analisi dei siti Prontopro.it e Immobiliare.it ha provato a rispondere a una delle domande più comuni tra coloro che hanno un’abitazione di proprietà: quanto costa ristrutturare casa? Prendendo come modello di riferimento un appartamento da 70 metri quadri in zona semi centrale, gli esperti del mercato immobiliare hanno esaminato il costo medio nazionale e quello dettagliato nei 20 principali capoluoghi di Provincia.

Prima di analizzare i dati numerici, e di capire se conviene ristrutturare casa, ricordiamo che sul mercato del credito ci sono varie offerte di prestito casa finalizzate a questa causa, sia messe a disposizione dagli Istituti di Credito tradizionali, sia dai comparatori on line come SuperMoney.

Quanto costa ristrutturare casa? I dati numerici del nostro Paese

Cominciamo col dire che la media nazionale dei costi di ristrutturazione si attesta sui 34mila euro, ma la situazione nelle città italiane è decisamente variabile: Roma è in testa alla classifica dei centri urbani più cari per effettuare una ristrutturazione con 38.900 euro, seguita da Milano (37.500 euro) e da Trento con 35.850 euro.

Molise, Calabria e Sicilia sono le Regioni dove gli interventi di ristrutturazione risultano meno cari: la città più conveniente è Catanzaro, con un costo inferiore ai 29mila euro; molto simili le situazioni di Campobasso (30.050 euro) e Palermo (29.700 euro), con una differenza di appena 350 euro.

Quali sono stati gli interventi di ristrutturazione presi in considerazione per poter elaborare questi dati? Le operazioni considerate nell’analisi sono tra le più comuni per quanto riguarda i lavori di ristrutturazione casa, ovvero:

  • costruzione, rimozione e demolizione dei tramezzi
  • realizzazione di intonaci e rasature
  • rifacimento di pavimenti e rivestimenti
  • opere di tinteggiatura e cartongesso
  • opere di idraulica
  • rifacimento degli impianti elettrici e di riscaldamento
  • assistenze murarie
  • condizionamento dell’aria e infissi
  • fornitura materiali

Nella tabella sottostante vengono presentati i costi della ristrutturazione nei capoluoghi italiani: le differenze fanno capire i diversi costi dell’edilizia regione per regione e anche degli immobili presi in considerazione, ricordando che lo standard di edificio oggetto dello studio è un appartamento di 70 metri quadrati in zona semi centrale. Questo dato, nel computo finale, è fondamentale perché, senza nulla togliere alle altre città italiane, il costo di un’abitazione di 70 metri quadrati in zona semi centrale a Roma è sicuramente maggiore, e quindi questo influenza molto anche il conteggio finale connesso alla ristrutturazione.

In conclusione, i costi per ristrutturare casa, se pur elevati, possono essere ammortizzati con prestiti finalizzati o anche approfittando della proroga dei programmi governativi per l’efficienza energetica, che prevedono agevolazioni fiscali per tutti gli interventi domestici svolti anche nel 2016.

Sfruttando questi incentivi governativi, che sono anche di matrice europea, è possibile adeguare la propria abitazione a degli standard energetici più elevati, tutelando l’ambiente e verificando sulle bollette delle varie utility un risparmio a lungo termine.

Se da un lato alcuni interventi di ristrutturazione ed efficienza energetica possono comportare una significativa spesa iniziale, dall’altro, nel medio-lungo periodo, garantiscono un risparmio economico tangibile, oltre ad essere concausa dei miglioramenti ambientali, almeno in parte.

Print Friendly, PDF & Email