Prezzi gas, ribassi a ottobre col nuovo metodo di calcolo

56

gasL’Aeeg intende introdurre il criterio della stagionalità nel calcolo dei prezzi del gas e riscaldamento. A trarne vantaggio saranno i consumatori: ecco perché

In previsione della stagione fredda, molti Italiani si arrovellano per cercare sempre nuovi modi per risparmiare sulla bolletta del gas. Scegliere un contratto vantaggioso per la fornitura attraverso il confronto dei prodotti Enel Energia, Edison, Green Network e così via, è certamente un primo passo consigliabile. Anche procedere all’isolamento termico della propria abitazione, nonostante l’alto costo iniziale, è un sistema che ci permetterebbe di risparmiare molto sul lungo periodo. Impedendo al calore di fluire all’esterno della propria casa, infatti, sarà possibile ridurre direttamente i consumi energetici, con conseguente abbassamento della spesa per il gas riscaldamento.

Dal prossimo primo di ottobre, inoltre, cambia il metodo di calcolo del prezzo del gas metano. Indipendentemente dal proprio fornitore, per i consumatori sarà garantito un ribasso dei prezzi, che ritorneranno ai livelli di circa due anni fa. La rivoluzione nel metodo di calcolo fa parte di una più generale riforma di aggiornamento del prezzo del gas, fortemente voluta dall’Aeeg.

Si tratta di una riforma che ha portato e porterà ad un ribasso significativo della bolletta dell’energia domestica. Nel mese di ottobre ci sarà, infatti, una diminuzione del 2,2%, che assicurerà un risparmio medio di circa 90 euro circa a famiglia. L’obiettivo finale perseguito dall’Authority è quello d’introdurre la stagionalità come metodo di calcolo delle tariffe al consumo: ecco perché, a partire dal prossimo anno, potrebbero esserci anche degli aumenti, seppur lievi.

La riforma pensata dall’Autorità ha cominciato a prender forma a partire da aprile del 2011, con la consapevolezza che, per portare delle modifiche ai mercati al dettaglio, bisognava agire dai mercati all’ingrosso, anche predisponendo interventi organici e strutturali sul sistema nazionale del gas.

“Il nostro approccio – ha illustrato Guido Bortoni, presidente dell’Aeeg – è stato contrario a quello di partire dai prezzi al dettaglio, perché siamo partiti dalla riforma concorrenziale dei mercati all’ingrosso per trasferire benefici sui prezzi al dettaglio. Un approccio che, stando ai dati, ha pagato”.

I consumatori potranno, tuttavia, godere di una serie di benefici, primo tra tutti il calcolo del costo della materia prima grazie all’introduzione della componente Cmem (Componente costo medio efficiente del mercato), che avverrà considerando al 100% i prezzi spot del gas. In questo modo, entra in gioco la stagionalità, che permette di guardare al futuro e non al passato.

Le bollette, di conseguenza, dal prossimo ottobre seguiranno la stagionalità delle tariffe del gas, quindi, in inverno i costi saranno più elevati, mentre in estate saranno più bassi. Per i consumatori è prevista poi una specie di assicurazione che li protegge dai rischi collegati alla maggiore volatilità.

Francesco Tempesta

Print Friendly, PDF & Email