Prestiti alle imprese: 220 milioni di euro da Horizon 2020

178

Dall’accordo tra Fei e Credem, ecco gli aiuti per le Pmi italiane. Il fondo favorirà l’erogazione di prestiti alle imprese innovative e virtuose

Prestiti alle imprese, in arrivo nuove risorse. Il blocco alle erogazioni di finanziamenti per le Pmi nostrane si sta lentamente stemperando, negli ultimi mesi la crisi inizia a fare un po’ meno paura e a stretto giro potrebbe essere spezzato l’impasse. Nuove piattaforme di equity crowdfunding sul web permettono alle aziende di individuare possibili investitori, gli istituti di credito stanno riavviando gli investimenti e anche l’Unione Europea ha scelto di varare nuove soluzioni in favore di società che scelgono di puntare sull’innovazione tecnologica per il rilancio delle realtà private.

220 milioni di euro di prestiti  alle imprese: ecco il nuovo Fondo

Da un accordo maturato tra Fondo Europeo per gli Investimenti (Fei) e l’istituto privato italiano Credem, è stato approvato un nuovo Piano di finanziamento da 220 milioni di euro, orientato a sostenere le Pmi che scelgono di investire in innovazione. Il Fondo fa parte delle azioni incluse nel programma Horizon 2020, strumento realizzato dall’Unione Europea per favorire competitività e crescita nel tessuto socio-economico dell’Eurozona.

L’accordo permetterà la realizzazione di nuovi accordi per prestiti alle imprese da erogare nel prossimo biennio e destinati sia alle piccole realtà private e sia alle imprese a media capitalizzazione (con un massimo di 499 dipendenti). L’iniziativa fa parte del più vasto programma di interventi InnovFin – Eu finance for innovators, articolata in seno agli obiettivi promossi tramite l’Horizon 2020.

Come funziona il Fondo

Il progetto prevede la concessione di prestiti alle imprese che si dimostrino disposte a investire in innovazione tecnologica, capaci di apportare un sostegno tangibile alla crescita dell’economia nazionale tramite soluzioni efficaci e all’avanguardia. I settori maggiormente interessati saranno quelli inerenti alle tematiche energetiche, ambientali, sanitarie, alimentari e dei trasporti.

Il progetto garantirà garanzie e controgaranzie per le start up per l’erogazione di finanziamenti compresi fra i 25 mila e i 7,5 milioni di euro, con l’obiettivo primario di incentivare l’accesso al credito da parte delle Pmi europee. Intermediari messi a disposizione direttamente dal Fei si occuperanno di fornire una garanzia parziale in caso di perdite registrate dagli istituti di credito coinvolti nel piano.

Il fondo è solo una componente residuale di un programma ad ampio raggio, che dovrebbe portare nei prossimi sette anni all’erogazione di fondi per 80 miliardi di euro in tutta la Comunità Europea, per progetti di ricerca e innovazione.

Print Friendly, PDF & Email