Ottenere un prestito è difficile? Scegliete il leasing fotovoltaico

63

lease-vs-buy-290x190Grazie al leasing sugli impianti fotovoltaici un’azienda può effettuare un importante investimento pagando un canone periodico e senza chiedere prestiti onerosi.

Per molte aziende accedere al credito è sempre più difficile e trovare un prestito vantaggioso rappresenterebbe una boccata d’aria fresca che consentirebbe di investire in strumentazioni, macchinari o impianti fotovoltaici necessari allo sviluppo reale e all’autosufficienza energetica dell’impresa.
Ovviamente, seppur solo 26 imprese su 100 riescano ad ottenere i prestiti richiesti, approfittando di comparatori online e altri strumenti web, è ancora possibile confrontare i finanziamenti migliori e scegliere il più vantaggioso; tuttavia l’effettiva erogazione del prestito resta per molte imprese un miraggio.
Esiste però un’altra soluzione per ottenere i macchinari che servono al funzionamento dell’impresa, e in particolare quelli utili alla riduzione della spesa energetica, senza ricorrere a prestiti troppo onerosi. È il leasing fotovoltaico. Si tratta di una formula a tutti gli effetti simile a quella di un normale leasing.
Si tratta di un’operazione di finanziamento particolare che spesso viene utilizzata dalle imprese per investire in beni di vario genere. Dietro pagamento di un canone periodico, le aziende accedono alla disponibilità del bene (veicoli, macchinari industriali, immobili, ecc.), in più le imprese possono, scaduto il contratto di leasing riscattare la proprietà a un prezzo in genere inferiore rispetto al prezzo di mercato.
Il leasing è abbastanza simile a un contratto di affitto che in più prevede la vendita finale del bene, evitando però di costringere l’affittuario a sborsare una cifra iniziale esagerata. Spesso, nei contratti di leasing, è comunque richiesto il pagamento di un anticipo per i primi costi fissi legati al contratto.
Per quello che riguarda il leasing fotovoltaico (ma non solo) è la banca ad acquistare l’impianto a energia solare per poi cederne l’utilizzo a chi sottoscrive il contratto di leasing. Un impianto del genere può rappresentare un ottimo investimento da parte dell’impresa che, grazie all’energia elettrica autoprodotta, può risparmiare sulla bolletta energetica.
Una volta installato l’impianto fotovoltaico, l’impresa pagherà alla banca un canone periodico secondo un preciso piano di ammortamento che, una volta concluso, porterà all’acquisto e al completo passaggio di proprietà dell’installazione all’azienda. Il vantaggio è innegabile: l’azienda evita di fare un investimento troppo oneroso nel breve periodo dilazionando i costi e in più si troverà alla fine a possedere completamente l’impianto fotovoltaico.
In più l’azienda usufruisce dell’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico per soddisfare il proprio fabbisogno energetico oppure può anche rivendere l’energia elettrica in eccesso, rimmettendola nella rete. Ovviamente questa operazione di leasing sul fotovoltaico è particolarmente delicata perché vanno attentamente valutati i costi dell’operazione, che dovranno essere sostenibili, e le stime dei prezzi di mercato dell’energia elettrica che verrà venduta in rete.
Acquistando tramite leasing fotovoltaico, la banca, inoltre, rappresenta una garanzia di affidabilità e fornisce supporto con consulenti e tecnici in grado di realizzare piani di investimento personalizzati e stime della produzione di energia elettrica realistiche. In più, dal punto di vista fiscale, le rate del leasing fotovoltaico saranno deducibili dal reddito d’impresa.

a cura di Marco Zaninelli

Print Friendly, PDF & Email