Dal 12 ottobre sono cambiati i nomi dei carburanti. Questo cambiamento è contenuto nella Direttiva europea 2014/94/UE, recepita in Italia con il DAFI, che punta a favorire un’infrastruttura efficiente per i carburanti alternativi. Le etichette saranno presenti sia sul distributore del carburante sia sulle pistole di erogazione della benzina.

Più informazioni

Le nuove sigle attribuite ai diversi carburanti affiancheranno i vecchi nomi con cui siamo abituati a classificare i carburanti e daranno informazioni più dettagliate ai consumatori. Ciò avverrà in tutti i Paesi UE, ma anche in Serbia, Svizzera, Macedonia e Turchia.

Le nuove sigle

Benzina – La lettera E indicherà la benzina e sarà presente su un’etichetta di tipo circolare. Oltre alla lettera ci sarà anche una cifra che specificherà la percentuale di etanolo presente nel carburante. L’etanolo non è usato in Italia, ma l’informazione può essere utile per chi proviene da altri Paesi.

  • E5 = fino al 5% di etanolo
  • E10 = fino al 10% di etanolo
  • E85 = fino all’85% di etanolo

Gasolio – Il gasolio sarà identificato invece dalla lettera B in un’etichetta quadrata, ad eccezione del gasolio sintetico che riporterà la sigla (XTL). Anche in questo caso ci sono  varianti in base al contenuto di diesel ecologico:

  • B7 = biodiesel fino al 7%
  • B10 = biodiesel fino al 10%
  • XTL = gasolio sintetico

Carburanti gassosi – Il rombo sarà infine la forma delle etichette destinate ai carburanti gassosi. Le sigle saranno quelle specifiche del tipo di carburante.

  • CNG = Gas naturale compresso
  • LPG = Gas di petrolio liquefatto
  • LNG = Gas naturale liquefatto
  • H2 = Idrogeno
Print Friendly, PDF & Email