Automobili green alla riscossa, l’8% entro il 2020

41

Secondo uno studio Xerfi, le automobili green, elettriche o ibride, riceveranno un forte impulso nei prossimi cinque anni

Pochi soldi e tante idee. Sembra essere questo l’orientamento ai consumi delle famiglie italiane, impelagate a sgomitare fra tasse e sostentamento dei figli, mutui e costi vari. L’automobile rappresenta un onere fra i più rilevanti, considerando polizze auto arrivate alleecar stelle e caro-carburante sempre più irrefrenabile. Per ciò che riguarda il costo dell’Rc auto,una soluzione valida è stata fornita dalla rete, la quale permette di porre le assicurazioni auto migliori a confronto, riuscendo in tal modo a individuare prezzi più abbordabili per ogni caso specifico. La crescita esponenziale del settore automobili green, invece, sospinge la lotta contro il prezzo della benzina: auto elettriche, a metano o a GPL ampliano il proprio bacino d’utenza e raccolgono un seguito di consensi crescente, e siamo ancora agli albori.

Secondo una ricerca dello studio di analisi francese Xerfi, infatti, entro il 2020 le automobili green alimentate attraverso l’energia elettrica o a carburazione ibrida potrebbero raggiungere l’8% del totale, contro l’appena 2,5% attuale. Secondo le stime dell’istituto, infatti, entro la data indicata, il mercato dei veicoli in circolazione al mondo si attesterà intorno alle 107,3 milioni di vetture, di cui 7,5 alimentate in maniera alternativa. In particolare, il 7% sarà costituito da auto ibride, il restante 1% da veicoli alimentati mediante energia elettrica.

A dare la spinta decisiva al settore dei mezzi di trasporto verdi sarà principalmente il fattore prezzi. La tecnologia avanza e i supporti per la realizzazione e la messa in commercio dei veicoli ecosostenibili permetteranno di sostenere con maggior facilità la grande distribuzione. In arrivo, inoltre, gli incentivi governativi, volti a promuovere l’acquisto di automobili green. In particolare, l’espandersi del bacino di utenza interesserà principalmente i mercati cinese, statunitense ed europeo.

Non si può trascurare la portata ecologica dell’innovazione. L’Unione Europea, proprio per il 2020, ha fissato traguardi di abbattimento dei consumi altissimi. L’obiettivo è di ridurre del 20% le emissioni di gas serra, e l’inquinamento urbano gioca un ruolo fondamentale. Si assiste, infine, a una presa di consapevolezza crescente sulle problematiche orbitanti intorno ai temi ambientali, non solo da parte di amministrazioni, enti governativi e sovrastrutture internazionali, ma anche da parte della gente comune.

Print Friendly, PDF & Email