Nominati gli Oscar green di Coldiretti

Sono sei e in tutta Italia i giovani imprenditori premiati

126

Coldiretti Giovani Impresa  ha assegnato gli Oscar green 2018. Il premio, arrivato alla dodicesima edizione, punta a valorizzare il lavoro di tanti giovani che hanno scelto per il proprio futuro l’agricoltura sostenibile e innovativa.

Il premio valorizza idee imprenditoriali in  grado di coniugare tradizione e innovazione, valorizzando soprattutto i progetti che hanno come obiettivo la tutela e l’arricchimento del territorio.

Sei gli Oscar di questa edizione: “sostenibilità”, vinta da La casa di paglia di Lisa Cabiddu, in Sardegna; “creatività”, attribuito a l’Agri bibita di clementine di Glauco Gallo, in Calabria; “impresa3.terra”, vinta da il Beewellness contadino di Matteo Andreatti in Trentino Alto Adige; “campagna amica”, andato a l’Agribirra terremotata di Claudio Lorenzini nel Lazio; “noi per il sociale”, assegnato a Sfugge a terroristi per l’arca Noe’ di Jeffery Eromosele Osoiwanlan nelle Marche; infine per la categoria “fare rete” l’Oscar va alla biocosmetica Antispreco del Tenore di Matteo Bacci, in Toscana.

“Sono tutte storie imprenditoriali – afferma in una nota la Coldiretti – che rappresentano al meglio l’entusiasmo e le grandi potenzialità di un settore che si è saputo rinnovare con ingegno e passione e che coinvolge oggi tantissimi giovani”.

I progetti imprenditoriali

Categoria sostenibilità: la Casa di paglia

Costruire case di paglia, dal carattere fortemente innovativo, con materiali ecocompatibili  a basso impatto ambientale.
Argilla e legno proveniente da filiera controllata, riducendo al minimo la produzione di Realizzano progettazione e realizzazione di case in paglia ma anche di mattoni in paglia e argilla. Legno e calce sono il risultato di una filiera corta e controllata.

Categoria creatività: l’agri bibita di clementine

Le clementine, prodotto simbolo della Piana di Sibari ma vittima della concorrenza estera e dei prezzi bassi finalmente tornano alla ribalta in un’agri bibita dal gusto inconfondibile. Per 20 anni l’azienda agricola di Glauco ha prodotto succhi concentrati per le multinazionali, ora ha deciso di produrre da solo la bibita. Il risultato è una bevanda composta per il 20% di vero succo di clementina, senza conservanti, coloranti e zuccheri aggiunti e con pochissime calorie.

Categoria impresa3.terra: il Beewellness contadino

La possibilità di vivere un giorno da ape, guardando attraverso il loro punto di vista compiendo una esperienza multisensoriale, grazie a una casa costruita all’interno di un alveare. L’innovativa bio-struttura in legno è collegata con più alveari ed è unica nel suo genere a livello nazionale.

Il delicato ronzio delle api e i profumi unici delle erbe di montagna regalano un momento indimenticabile di benessere e serenità nel Beewellness.

Categoria campagna amica: l’Agribirra terremotata

Nell’epicentro del cratere del terremoto che ha colpito Amatrice e Leonessa nasce la birra di Alta Quota. Il processo è tutto green, dall’energia che si consuma ai residui di lavorazione. I cereali sono prodotti a 1600 metri di altitudine. Tra le produzioni più originali: una birra senza glutine ed una da pane di scarto in piena visione di economia circolare.

Categoria noi per il sociale: Sfugge a terroristi per l’arca Noe’

Uno storico casale restaurato che diventa un’Arca di Noe’ in cui sono allevate centinaia di animali di razze e specie a rischio di estinzione provenienti da tutto il mondo, e sono attivi laboratori dedicati ai più piccoli ma anche attività per i più grandi dal bird watching alla tartufaia ai percorsi olfattivi.

Categoria fare rete: la biocosmetica antispreco del tenore

Dagli scarti di lavorazione di un’azienda produttrice di vini, del tenore appunto- Andrea Bocelli, nasce un agricosmetico a chilometro zero Lajatica. Il prodotto ricco di Resveratrolo, un potentissimo anti età e da uno scarto di distillazione del suo rosmarino, che è appunto l’acqua aromatica.

Print Friendly, PDF & Email