Promuovere un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre con prodotti buoni, ecofriendly e giusti. E’ questo l’obiettivo del protocollo di intesa firmato ieri da Slow Food Italia e PEFC Italia in occasione di Terra Madre Salone del Gusto 2018, l’evento internazionale dedicato al cibo che si è svolto a Lingotto Fiere di Torino dal 20 al 24 settembre. A sottoscrivere l’accordo Maria Cristina D’Orlando, Presidente di PEFC Italia, e Gaetano Pascale, presidente di Slow Food Italia.

la firma dell’accordo

Cosa prevede l’accordo

Nell’ambito della collaborazione tra le due realtà verranno organizzate una serie di iniziative: eventi formativi, attività e ricerche volte a promuovere la territorialità, la conservazione della biodiversità alimentare e forestale e  l’uso di materiali ecocompatibili e certificati e sulle filiere agro-forestali locali e sostenibili.

Costruire una rete di comunità

La costruzione di una rete di comunità è la via principale che Slow Food deve percorrere negli anni a venire”, commenta in una nota Silvia de Paulis, del comitato esecutivo Slow Food Italia – un pianeta senza Comunità è un deserto di egoismo. Sostenere la nascita e la crescita di comunità del Cibo, comunità delle Scienze, comunità delle Professioni, comunità delle Arti partendo dal consolidamento di quelle già in essere sul territorio nazionale è un imperativo che vede nei luoghi di incontro e di confronto l’unico possibile nucleo di un futuro migliore. Slow Food Italia e PEFC hanno princìpi comuni che li portano a operare per raggiungere obiettivi comuni in settori strategici per la conservazione del pianeta e per le comunità che ospita“.

Prodotti buoni puliti e giusti

Terra Madre Salone del Gusto è stata la cornice ideale per siglare una collaborazione che nasce con l’intento di promuovere prodotti buoni, puliti e giusti, non soltanto dal punto di vista alimentare ma anche ambientale” – spiega in nota Maria Cristina D’Orlando, Presidente di PEFC Italia. 

La gestione sostenibile della produzione agricola, della filiera forestale e delle filiere ad esse connesse (logistica, packaging, imballaggi) contribuisce a migliorare l’ambiente e le comunità, intervenendo anche sulla riduzione delle emissioni di gas serra nell’atmosfera. Stimolare i consumatori a scelte consapevoli sarà uno degli obiettivi più importanti dell’intesa tra PEFC Italia e Slow Food Italia: è dalle azioni quotidiane che parte la lotta ai cambiamenti climatici e la difesa della biodiversità”, conclude D’Orlando.

Print Friendly, PDF & Email