Case in legno, le proprietà

714

Villaggi turistici, imponenti complessi architettonici, ville, auditorium e semplici abitazioni. Sono molte le strutture che oggi sono realizzate adoperando il legno, materiale che sta acquisendo, grazie alla ricerca e all’innovazione tecnologica, sempre maggiore accredito tra gli operatori in edilizia.

In primo luogo, una struttura così realizzata sembra sposarsi meglio con l’ambiente circostante e incidere meno sul paesaggio: la casa in legno è in grado di assumere caratteristiche differenti a seconda delle condizioni esterne e della situazione climatica, inoltre è flessibile e reattiva rispetto le proprietà territoriali (questa tipologia di abitazione solitamente è prefabbricata o viene sviluppata in base a un progetto specifico).

Data la ridotta conducibilità termica del materiale, sua proprietà intrinseca, gli edifici risultano caldi d’inverno e freddi d’estate. In questo modo, è possibile ridurre il consumo di energia e gas per rendere accogliente la propria abitazione. All’isolamento termico si affianca quello acustico: le case in legno possono uffrire un rifugio dalla vita cittadina in cui scappare quando si ha bisogno di recuperare calma e serenità.

Elasticità, resistenza a snervamento e leggerenza rendono il legno il materiale adatto alla realizzazione di strutture in zone sismiche. Ne sono un esempio le 12 palazzine realizzate nell’Aquila del post terremoto da LogHouse per il Progetto CASE e ancora l’auditorium disegnato da Renzo Piano per il capoluogo abruzzese.

A chi avanza dubbi circa la sua sicurezza c’è da rispondere che il corretto dimensionamento delle sezioni, dei nodi e delle connessioni consente di raggiungere una alta resistenza al fuoco (in questo caso si parla di indice di REI).

Altro punto di forza: la longevità di queste strutture, che può sorprendere il proprietario. Ovviamente, molto dipende dalla progettazione e dalla realizzazione della casa, ma a incidere sulla durata è anche la manutenzione. Ne sono un esempio le strutture religiose dell’Europa dell’est, diffuse soprattutto in Russia.

Print Friendly, PDF & Email