Cemep “siamo disponibili fare efficienza, se il ministero verifica gli sforzi fatti”

50

Il Ministero dello Sviluppo Economico deve monitorare e verificare che siano garantiti gli standard individuati dal regolamento europeo. Questa la richiesta della neonata assemblea del Cemep (associazione europea dei costruttori macchine elettriche e dell’elettronica di potenza) rispetto la messa in pratica del regolamento 640/2009 della commissione europea che stabilisce i requisiti di progettazione ecocompatibili per l’immissione sul mercato e per la messa in servizio dei motori elettrici

I rappresentanti di associazione si dimostrano tutti ben disposti a seguire le disposizioni europee, ma è unisona la condizione di attenzione delle istituzioni.

inoltre valutato come non sia pensabile apporre una etichetta senza una procedura validata e condivisa di misurazione di efficienza dell’impianto. L’associazione di Confidustria in tal senso si sta organizzando con L’Enea. L’ente di ricerca si è impegnato, in attesa di una strutturazione definita dalle istituzioni, a effettuare nei propri laboratori i test di prova dei macchinari e a sancire una sorta di ‘vademecum’ per standardizzare sia i test sia una valutazione dei range delle risposte ottenute.

Certo tutti questi sforzi di chi cerca di fare buona impresa e rispettare

le regole europee vanno a decadere se poi non c’è una reale verifica delle Autorità preposte, come ricorda nella intervista video allegata Maurizio Russo, presidente del gruppo Motori. D’altronde il settore è strategico basti pensare che il consumo di energia elettrica in Italia associato all’uso di motori elettrici nell’industria è stimabile a circa 120TWh, pari a circa il 40% dell’intero fabbisogno elettrico italiano (stime al 2011). Se tutti i motori elettrici istallati appartenessero alla classe di efficienza IE3 definita dalla UE il risparmio annuo stimato sarebbe di circa 7TWh. Si potrebbe inoltre arrivare a 10,2 TWh se considerassimo la sostituzione di motori elettrici ed inverter, per non parlare dell’indotto di mercato generato dalle sostituzioni dei componenti.

 http://www.youtube.com/watch?v=ke7B06gDWWk

 

Print Friendly, PDF & Email