USmartconsumer, la giornata formativa a napoli

282

L’Europa vuole sempre più un consumatore SMART che grazie ad un uso consapevole dei contatori intelligenti dell’elettricità (gli Smart Meter) e ai servizi post-vendita offerti dagli operatori sia in grado di conoscere i propri consumi energetici domestici e di imparare a consumare meno e meglio.

AISFOR, nell’ambito del progetto europeo USMARTCONSUMER, ha organizza una giornata di workshop nel corso di EnergyMed a Napoli (9-11 aprile), rivolto agli operatori del settore nella prima parte e agli utenti finali nella seconda, per stimolare il dialogo tra operatori e consumatori sull’erogazione di nuovi servizi rispondenti ai bisogni dei consumatori stessi.

Nel corso della giornata di lavori gli interlocutori intervenuti hanno evidenziato diversi punti importanti riguardanti il mondo degli Smart Meter.

Con gli interventi di Marina Varvesi di Aisfor è stato delineato un quadro preciso della situazione attuale degli Smart Meter, in Italia e in Europa: dai primi risultati ottenuti dal progetto USmartConsumer si evince che la situazione è molto differente nei vari Paesi europei. Come ha anche spiegato Pieraldo Isolani, esperto energia di Aisfor e Unione Nazionale Consumatori, in Italia c’è una generale mancanza di conoscenza sul tema, anche se nel complesso c’è molta curiosità e volontà di saperne di più, nonché di collaborare con le utility per migliorare i servizi offerti (risultati del questionario sottoposto ai consumatori nell’ambito del progetto).

Il prof. Ficco dell’Università di Cassino ha messo in evidenza la necessità da parte dei produttori di garantire la qualità della misura del contatore, sia esso elettrico, gas o idrico; il prof. Cascetta dell’Università di Napoli ha inoltre sottolineato la necessità di porre l’attenzione su tutta la filiera legata agli Smart Meter dal produttore all’utente finale, passando per le utilities, energetiche ma anche delle telecomunicazioni, essendo la trasmissione del dato raccolto un aspetto fondamentale per il buon funzionamento di un contatore intelligente.

Nel corso dei dibattiti organizzati nelle due sessioni di lavoro, moderate dalla giornalista Agnese Cecchini di Gruppo Italia Energia, sono stati presentati diversi progetti già conclusi o ancora in corso sul territorio nazionale – il Gruppo Hera a Modena con il suo pilota multiservizi, Telereading a Catania con un servizio smart offerto nel settore idrico, Renael col progetto ELENA a Chieti e uno nuovo al via a Ferrara – ma si è parlato anche dei progetti europei seguiti dall’RSE (S3C, SmartOn e Intrepide) e delle iniziative della società Energy@home.

Con domande pertinenti e richieste di approfondimenti sugli argomenti trattati il pubblico presente ha mostrato grande interesse per i temi discussi, evidenziando il ruolo sempre più fondamentale degli Smart Meter nello scenario energetico nazionale ma anche nella vita quotidiana.

Print Friendly, PDF & Email