TERMINATA LA REALIZZAZIONE DI DUE NUOVI IMPIANTI MINI HYDRO NEL COMUNE DI MORTARA (PAVIA) CHE UTILIZZANO LA TECNOLOGIA PROPRIETARIA “SUPERVITE”: SALGONO A 17 GLI IMPIANTI OPERATIVI

21
RICEVUTO IL PRESTIGIOSO PREMIO VEDOGREEN A MILANO NELLA 
CATEGORIA AZIENDE QUOTATE PER L’ECCELLENZA NEL MINI HYDRO, 
PREMIO PATROCINATO DALLA COMMISSIONE EUROPEA, MINISTERO 
DELL’AMBIENTE, EXPO 2015, ENEA E SUPPORTATO DA BORSA ITALIANA
PRODUZIONE RECORD DI ENERGIA A CAUSA DELLA ECCEZIONALE 
PIOVOSITA’
***
Milano, 20 novembre 2014 – Frendy Energy S.p.A. termina la realizzazione di due centrali 
mini hydro nel comune di Mortara (Pavia) e porta a 17 gli impianti allacciati alla rete 
elettrica.
Continua senza sosta la crescita per linee interne, a dispetto della crisi, a testimonianza 
che anche le piccole aziende quotate italiane sono fiduciose sul futuro e in particolare 
quello green, ma fatto di innovazione.
Infatti, questi due impianti a poca distanza l’uno dall’altro sullo stesso canale irriguo, con 
un salto netto di poco più di 1 metro, sono un concentrato di innovazione all’interno di una 
tecnologia assai nota: la vite di Archimede o Coclea idraulica.
Fulvio Bollini, Consigliere di Frendy Energy e riconosciuto esperto italiano in materia di 
mini e micro hydro, nonché Direttore Generale dell’Associazione Irrigazione Est Sesia 
(uno dei principali Consorzi di irrigazione e bonifica d’Italia) commenta: “Non nascondo la 
mia soddisfazione, poiché, oltre 5 anni orsono, manifestai al Presidente Denti e ai 
consiglieri Piero ed Eligio Scotta l’esigenza e l’opportunità di innovare una tecnologia più 
che consolidata per l’utilizzazione idroelettrica dei piccoli salti idraulici: lavoro di squadra e 
impegno hanno così portato alla nascita della SuperVite ® “.Piero Scotta, Consigliere operativo di Frendy e Presidente dell’omonimo Gruppo Scotta 
aggiunge: “ Non e’ per nulla evidente riuscire ad applicare le invenzioni e scoperte fatte 
sul campo in 20 anni su impianti di media e grande taglia, e trasportarle qui nel mini idro.
In particolare queste due centrali sono molto importanti per noi a livello 
costruttivo/progettuale poiche’ abbiamo messo in competizione alle medesime condizioni 
salto/portata due approcci diversi che in 6 mesi di studio e produzione ci forniranno un
ulteriore prezioso know how per competere ovunque”.
Rinaldo Denti, Presidente di Frendy Energy dichiara: “ La grande soddisfazione “dell’arte 
del fare” ha fatto coincidere l’esordio di questi due impianti con la tecnologia SuperVite®
con un premio prestigioso che ci e’ stato appena conferito, il premio Vedogreen per 
l’innovazione nel mini Hydro tra tutte le Societa’ quotate. Voglio assolutamente dedicarlo 
al Gruppo Scotta e, in particolare, a Eligio Scotta che con la sua lungimiranza e genio 
costruttivo ha ascoltato le nostre idee migliorandole e soprattutto concretizzandole 
permettendoci, pero’, di avere ogni brevetto in capo a Frendy. La scalability di queste 
tecnologie, legate alla sapienza costruttiva a 360 gradi, ci portera’ a diventare il punto di 
riferimento del mini-idro mondiale quando saremo pronti a conquistare il mercato 
worldwide nei prossimi anni perché oggi siamo solo all’inizio della nostra lunga 
avventura: stiamo creando il nostro showroom per i futuri buyers”.. “Infine – conclude 
Denti – la preoccupante piovosità’ di queste ultime settimane ha, pero’, fatto toccare
produzioni record di corrente nei nostri impianti, ma soprattutto, ha chiaramente 
dimostrato il grande valore del mini idroelettrico nei Canali irrigui, dove nessun ponte 
canale e’ crollato in presenza di queste discrete e ben armonizzate opere della 
ingegnosita’ tipicamente italiana
Print Friendly, PDF & Email