TE WIND DELIBERA L’EMISSIONE DI UN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

20

Il Consiglio di Amministrazione di TE Wind ha approvato l’emissione di un bond di 10 milioni di Euro con scadenza 2020 e tasso di interesse annuo al 6% che sarà quotato sull’ ExtraMOT PRO di Borsa Italiana.

Milano, 25 giugno 2014 – TE Wind S.A. (“TEW”), leader in Italia nel settore della produzione di energia elettrica attraverso impianti mini-eolici, comunica l’approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione della Società, riunitosi in data odierna, dell’emissione di un prestito obbligazionario di importo massimo di euro 10 milioni con scadenza 2020 e tasso di interesse annuo pari al 6%, da ammettere a quotazione sul segmento PRO del mercato ExtraMOT di Borsa Italiana (“TE Wind S.A. 2014-2020 6%”). L’emissione rimarrà aperta fino al 30 novembre 2014; il primo periodo di sottoscrizione è previsto dal 7 all’11 luglio, mentre gli ulteriori periodi di sottoscrizione saranno determinati dal Consiglio di Amministrazione sulla base delle esigenze della
Società.

L’emissione della nuova obbligazione si inserisce in un più vasto programma di pianificazione finanziaria del Gruppo e segue, in particolare, la comunicazione da parte di Raiffeisen Bank International AG di Vienna riguardo alla disponibilità di procedere alla concessione di un finanziamento a GEA Energy, conseguente alla delibera da parte di Exim Bank – USA quale garanzia, che andrà a perfezionarsi con la stipula del definitivo contratto, subordinato al verificarsi delle condizioni previste.

Un’operazione di aumento di capitale, attualmente in programma per il prossimo autunno, completerà l’attività di ottimizzazione della struttura finanziaria di TE Wind per l’anno 2014. Le operazioni sopra descritte sono a supporto del piano di investimenti, già approvato in sede di quotazione, che TE Wind sta portando avanti attraverso Società controllate attive nella installazione di impianti mini-eolici: Gea Energy, Reia Wind e Windmill 60, che operano nella gestione diretta di tutte le fasi di realizzazione di un progetto mini-eolico, dalla selezione del sito alla produzione di energia elettrica con il riconoscimento della tariffa omnicomprensiva corrisposta dal GSE.

Ulteriori investimenti sono destinati a una nuova linea di business che prevede la sottoscrizione di accordi con primari operatori del settore, i quali apporteranno progetti in fase di avanzato sviluppo, dati anemometrici e un importante know-how industriale. Tali soggetti si occuperanno della realizzazione dell’impianto dal punto di vista sia autorizzativo che delle opere civili e strutturali, condividendo pro quota le performance di progetto. TE Wind curerà, invece, la struttura finanziaria
e coordinerà l’attuazione dell’intera operazione. TE Wind si pone l’obiettivo di dare nuovo slancio alla crescita dell’attività diversificando ulteriormente il rischio attraverso una nuova linea di business che vedrà coinvolti i partner industriali nel capitale delle SPV.

“In uno scenario preoccupante in cui si discute di importanti tagli agli incentivi sulle rinnovabili, il GSE ha confermato le tariffe per il mini-eolico anche per il 2015. Questo per TE Wind rappresenta un’ulteriore dimostrazione della validità delle scelte strategiche effettuate, orientate a investimenti in impianti di piccola taglia, e ci fa ritenere che questo sia un momento favorevole per spingere l’acceleratore sugli investimenti e per rivolgerci al mercato con l’emissione obbligazionaria approvata oggi e con una nuova emissione azionaria prevista in autunno” dichiara Ciro Mongillo, Amministratore Delegato di TE Wind .”Il fatto di non aver ancora raggiunto il target di impianti installati a livello nazionale conferma come questo sia un settore di nicchia caratterizzato da elevate barriere all’entrata, soprattutto nel momento in cui si applicano criteri di selezione elevati e ambiziosi come quelli stabiliti da TE Wind”.

Print Friendly, PDF & Email