Protocollo SACE – GE Oil & Gas da 6 miliardi di dollari per esportazioni e crescita del Paese

27

Firenze, 31 gennaio 2016 – È stato siglato oggi presso la sede della Regione Toscana, alla presenza del Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi e del CEO di General Electric Jeff Immelt, il protocollo di intesa tra SACE e GE Oil & Gas – Nuovo Pignone per sostenere le esportazioni dell’azienda, leader nella fornitura di tecnologie e servizi nel settore oil & gas.

Il protocollo prevede che SACE supporti le esportazioni di GE Oil & Gas per un ammontare che si stima possa raggiungere i 6 miliardi di dollari per il triennio 2016-2018 per progetti nei vari continenti, in particolare America Latina, Nord Africa, Africa Sub Sahariana, Medio Oriente e Asia.

L’intesa consentirà a GE Oil & Gas di offrire a potenziali clienti internazionali linee di credito a condizioni competitive – garantite da SACE – per l’acquisto dei propri prodotti e servizi e cogliere così nuove opportunità globali, rispondendo in modo dinamico e capillare alla domanda internazionale.

SACE conferma anche il proprio supporto finanziario alla vendita delle turbine a gas della famiglia NovaLT, turbine GE Oil & Gas 100% made in Italy, alcune delle quali sono state recentemente introdotte sul mercato globale. Proprio oggi, inoltre, GE Oil & Gas ha annunciato un programma di investimenti per un valore totale quinquennale di 600 milioni di dollari per lo sviluppo e la produzione di turbine a gas e compressori centrifughi di nuova generazione.

Nell’ambito della collaborazione, infine, SACE e GE Oil & Gas lavoreranno allo sviluppo di soluzioni innovative, ricercando una crescente efficienza del servizio e soddisfazione della clientela internazionale.

“In GE Oil & Gas amiamo dire che ‘we fuel the future’ e avere un partner istituzionale come SACE significa proprio questo: dare energia e investire nel futuro”, ha commentato Lorenzo Simonelli, Presidente e CEO di GE Oil & Gas. “La firma odierna è la conseguenza naturale di una strategia che si rivolge all’export e ai mercati emergenti e questo va ben oltre gli obiettivi di business, vuol dire anche sostenere la crescita futura di questi Paesi. Allo stesso tempo, il protocollo consolida la presenza e la leadership di GE Oil & Gas in Italia, il Paese dove nascono le nostre competenze. Dimostra, inoltre, l’impegno per fornire ai nostri clienti e partner soluzioni sempre più innovative.”

“Con orgoglio rinnoviamo oggi il nostro sostegno al percorso di crescita e innovazione di una realtà che ha saputo  valorizzare competenze e know-how italiani per affermarsi come eccellenza a livello globale”, ha dichiarato Alessandro Castellano, Amministratore Delegato di SACE. “Un impegno con cui intendiamo dare impulso a nuove opportunità di export in mercati ad alto potenziale, con impatti positivi sugli importanti processi produttivi e occupazionali generati in Italia da GE Oil & Gas e dal suo ampio indotto di  PMI subfornitrici”.

 

Questo protocollo rappresenta un nuovo traguardo nel percorso di eccellenza intrapreso da GE Oil & Gas: grazie alla partnership annunciata oggi, infatti, l’azienda non solo amplia ulteriormente i propri orizzonti e si prepara a penetrare e presidiare mercati emergenti con consistenti prospettive di crescita, ma si impegna attivamente, insieme a SACE, a favorire lo sviluppo dell’indotto che afferisce a GE Oil & Gas e a sviluppare profili professionali ad alto contenuto tecnologico, attestandosi ancora come un player di riferimento per il Sistema Paese.

GE Oil & Gas – Nuovo Pignone conta circa 5.400 dipendenti in Italia su cinque siti produttivi. Nel 2015 ha investito in ricerca e sviluppo e nei propri stabilimenti oltre 170 milioni di dollari e 8 milioni di dollari nella formazione dei dipendenti.

L’indotto generato da GE Oil & Gas in Italia ha registrato un fatturato 2015 di oltre 1 miliardo di euro che coinvolge oltre 1300 realtà, in gran parte PMI.

Print Friendly, PDF & Email