Oil&nonoil-S&TC specchio dei mutamenti del settore

18

Gli operatori  del mondo delle Energie, dei carburanti e dei servizi per la mobilità si danno appuntamento a  Verona (11-13 ottobre). Tre giornate dedicate alla rete, ai carburanti alternativi e al lavaggio, senza trascurare lo stoccaggio e il trasporto dei carburanti. A un mese dal lancio già oltre 40 adesioni.

Milano, 12 aprile 2016

Alla sua undicesima edizione, in programma a Veronafiere dall’11 al 13 ottobre prossimo, Oil&nonoil  aggiorna il format e lo adegua ai mutamenti del settore.

Dopo il successo dell’edizione romana dell’ottobre scorso, gli organizzatori hanno deciso di strutturare per espositori e visitatori un appuntamento in grado di rispondere ancora più efficacemente alle loro attese imprenditoriali.

La fiera inquadra tutta la filiera della distribuzione dei carburanti, le tecnologie, gli operatori, le prospettive di ogni segmento, mettendo in luce le nuove opportunità legate alla mobilità di merci e persone e il ruolo crescente che assumono i carburanti alternativi.

Dal deposito alla stazione di servizio, ogni passaggio della filiera richiede nuove soluzioni per  aumentare la competitività, la sicurezza e la soddisfazione dei clienti.

Cresce la forza dei retisti (grandi e piccoli) che gestiscono con dinamismo la loro attività  e utilizzano leve flessibili, adeguandole alle loro specifiche aree di mercato, mentre l’affievolirsi della distanza tra rete ed extra rete diminuisce le differenze tra le figure che animano il settore.

Il carwash e il bar restano le principali fonti di guadagno non oil sulla rete italiana, ma non mancano esempi di altre redditizie attività (gommista, lavanderia…).

La forte e immediata risposta positiva degli espositori

A un mese dal lancio della manifestazione, il riscontro degli espositori è stata pronta: 40 aziende (40% del totale della passata edizione) hanno opzionato uno stand.

La risposta più immediata è venuta dalle aziende che si riconoscono nel segmento dedicato alla stazione di servizio (erogatori, serbatoi, cartellonistica, illuminazione, realizzazione delle strutture).

Gli organizzatori puntano a superare il 50% delle opzioni entro la chiusura della campagna promozionale fissata per il 30 di aprile.

Giornate a tema

O&NO dedicherà iniziative speciali ai vari target di visitatori. Martedì 11 ottobre sarà il giorno dedicato al lavaggio e ai lavaggisti, mercoledì 12 sarà imperniato sull’analisi della rete e dei suoi protagonisti; giovedì 13, infine, l’attenzione si focalizzerà sui carburanti alternativi e sugli scenari della mobilità futura.

Naturalmente l’esposizione e gli incontri riguarderanno tutta la filiera per tutte e tre le giornate. Ogni giorno ci saranno workshop e  seminari dedicati alle diverse figure imprenditoriali e soprattutto si cercherà sempre di far risaltare la trasversalità delle questioni affrontate. Per esempio, il tema del terzo carburante riguarda compagnie e retisti che sono anche interessati alle prospettive dei servizi di lavaggio, al tema dei biocarburanti e ai sistemi di pagamento.

Il lavaggio

Registrati negli ultimi mesi i primi elementi positivi di ripresa, anche la filiera del lavaggio sarà presente a Verona. Nell’ultimo anno, tra i professionisti sono nate due associazioni (Assolavaggisti e ALI – Associazione Lavaggisti Italiani)  e i temi che stanno a cuore a questi imprenditori saranno al centro di seminari e incontri.

Il mondo della produzione, pur tra ristrutturazioni e  accorpamenti, segnala una ripresa delle vendite e la volontà di presentare nuovi prodotti. Da alcuni mesi, alla guida di Federlavaggi è stato nominato Gianluca Meschi, che ha fatto dell’ampliamento del numero dei soci il primo obiettivo del suo mandato. “In quest’ottica, ha dichiarato, intendiamo collaborare con tutti per affermare l’utilità dell’azione comune su obiettivi di interesse di tutto il settore. Sottoporrò al Consiglio Direttivo dell’associazione il tema e i contenuti della nostra eventuale presenza a Verona. Dobbiamo puntare a iniziative che facciano “cultura imprenditoriale” tra gli operatori e che ci consentano anche il contatto diretto con l’utilizzatore finale, che vogliamo conoscere meglio e dal quale ci vogliamo far conoscere meglio”.

Formazione e informazione

Numerosi, come è tradizione di Oil&nonoil, saranno i workshop, i seminari e i convegni. Gli incontri formativi e informativi riguarderanno tutti i temi attorno a cui si sviluppa la manifestazione e saranno organizzati dagli espositori, dalle associazioni in collaborazione con istituzioni e istituti di ricerca. Nelle giornate dedicate al lavaggio, ai retisti, ai carburanti alternativi si concentreranno le iniziative su quei grandi temi, che ripetiamo saranno oggetto di incontri e approfondimenti per tutta la durata della manifestazione.

Non mancheranno gli appuntamenti dedicati al tema dello stoccaggio dei carburanti e della loro movimentazione, con particolare attenzione alle questioni che riguardano la sicurezza dei percorsi e le tecnologie per la misurazione dei carichi.

Tre giorni per dare forza al business

L’immediata adesione di molte società leader del settore, l’attenzione delle associazioni, l’attualità dei temi della mobilità e il dinamismo di nuovi imprenditori confermano  Oil&nonoil quale unico appuntamento italiano del settore, in grado di richiamare un numero crescente di operatori, italiani ed esteri, interessati a investire per innovare e  dare forza ai loro affari.

Print Friendly, PDF & Email