La Divisione Termotecnica di Bosch pronta per l’ErP

168

Milano, 21 maggio 2015 – Buderus e Junkers, marchi della Divisione Termotecnica di Bosch,  propongono prodotti nel rispetto delle recenti normative in materia di riduzione delle emissioni inquinanti. Tali norme impongono che dal prossimo 26 settembre i sistemi per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria, per poter essere immessi sul mercato, dovranno rispettare tra l’altro i requisiti minimi di efficienza energetica, nonché prevedere una etichetta energetica sui dispositivi con informazioni trasparenti e omogenee. Tali dispositivi dovranno, cioè, essere in linea con le normative ErP – Energy Related Products (Direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e relativi Regolamenti UE 811, 812, 813 e 814 del 2013), obbligatorie in tutti gli stati membri dell’Unione Europea.

Per sensibilizzare l’utente alla nuova normativa ErP, sono stati sviluppati due mini siti, www.erp-junkers.it e www.erp-buderus.it. Qui, grazie alle brochures, ai video e alla sezione domande&risposte, l’utente può trovare tutte le informazioni di cui ha bisogno in modo chiaro e trasparente. I siti fanno parte di un progetto di comunicazione più ampio che include materiali POP, quali poster, brochure ed espositori da banco, rivolti agli installatori e agli addetti del settore. La campagna Bosch “Junkers Erp e Buderus Erp” è stata premiata, per la categoria B2B, con l’Interactive Key Award. Il premio, dedicato al mondo del web e della comunicazione interattiva, vuole stimolare la creatività e l’innovazione tecnologica della comunicazione online e mobile, con l’obiettivo di migliorarne l’efficacia, la qualità tecnica ed estetica e favorire l’affermazione di un made in Italy del web.

Ad oggi le caldaie convenzionali rappresentano circa il 70% del mercato e con l’introduzione della nuova normativa gran parte di esse non potranno più essere immesse sul mercato in quanto dotate di un rendimento inferiore al limite imposto dalla Normativa. Le caldaie a condensazione, invece, hanno un rendimento aderente a quanto richiesto dalle norme ErP e saranno, salvo specifiche eccezioni applicative, le uniche a poter essere immesse sul mercato. Buderus e Junkers sono già pronte al cambiamento, offrendo prodotti e soluzioni di riscaldamento all’avanguardia per garantire il miglior comfort e il minor consumo nel massimo rispetto dell’ambiente unitamente ad una consulenza tecnico-normativa professionale e competente.

Con la nuova normativa ErP i produttori dovranno immettere sul mercato solo prodotti aventi l’etichetta energetica e conformi alle nuove leggi, dotati, quindi, di altissimi standard di efficienza. Tale normativa fornirà vantaggi sostanziali ai consumatori in quanto sarà possibile conoscere la classe di efficienza energetica dell’apparecchio ed effettuare un confronto tra le diverse etichette dei diversi prodotti presenti sul mercato. La normativa ErP prevede, dunque, la collocazione di un’apposita etichetta energetica ai prodotti ed ai sistemi per il riscaldamento (caldaie, scaldabagni, pompe di calore, pannelli solari…) con le caratteristiche degli apparecchi. L’etichetta energetica rende, così, esplicita la classe energetica d’appartenenza in una scala crescente di efficienza compresa tra G ed A++ per un’informazione chiara, omogenea e trasparente sull’efficienza energetica degli apparecchi e su altre note aggiuntive, come la potenza e le emissioni sonore. Le etichettature previste dalla normativa sono due: la prima, obbligatoria e fornita dal produttore insieme al prodotto, per gli apparecchi di riscaldamento e/o la produzione di acqua calda sanitaria, mentre la seconda, aggiuntiva, è specifica per i sistemi composti da più elementi che interagiscono tra loro e sulla quale sono indicati i livelli di efficienza energetica raggiungibili grazie a tutti i componenti utilizzati.

Print Friendly, PDF & Email