“L’Albero delle Caldaie” un progetto di riforestazione per la Terra dei Fuochi

11
Parte il progetto promosso dal Comitato Parchi per Kyoto assieme alle Associazioni di Formazione Idraulici AFI.GE e AFI.PI per la forestazione di un terreno appartenente al comune di Afragola (NA).
L’intervento, che coinvolge direttamente anche i consumatori finali, vede le due Associazioni impegnate
nella piantumazione di un albero per ogni impianto di riscaldamento e di climatizzazione installato, oppure per ogni caldaia o pompa di calore montata.



Il Comitato Parchi per Kyoto – onlus costituita da Federparchi-Europarc Italia, Kyoto Club e Legambiente – dà il via, assieme alle Associazioni di Formazione Idraulici di Genova e di Pisa (AFI.GE e AFI.PI), a un importante progetto di forestazione su 7.000 mq situati all’interno di un’area più vasta, pari a 14.000 mq, appartenente al Comune di Afragola, in provincia di Napoli. L’intervento prevede la messa a dimora di circa 600 alberi di varie specie come quercia, leccio, cerro e ornello nel rispetto della biodiversità, con l’intento di replicare la piantumazione nel 2016 fino a raggiungere un totale di 1.200 alberi sull’intera area.

L’AFI.GE e l’AFI.PI, cui aderiscono oltre 300 imprese locali, sono le promotrici sul territorio dell’iniziativa. Hanno affiancato, infatti, alla propria premura di sempre a realizzare installazioni rispettose delle normative vigenti in materia di sicurezza e tutela dell’ambiente, anche l’impegno nei confronti dei propri clienti a piantare un albero per ogni impianto di riscaldamento e di climatizzazione installato, oppure per ogni caldaia o pompa di calore montata. L’obiettivo è di contribuire a compensare parte delle emissioni in atmosfera prodotte dalle realizzazioni stesse. Ogni albero piantato, infatti, assorbe nel suo intero ciclo di vita circa 700 kg di anidride carbonica.

Il Comitato Parchi per Kyoto realizza l’intervento grazie all’impegno del Circolo Legambiente di Afragola e con il coinvolgimento, per la gestione e manutenzione dell’area, di una rete di associazioni locali di promozione sociale.

Il Comitato Parchi per Kyoto, costituito nel 2007, ha già realizzato finora ben 26 interventi di forestazione in diverse Aree Protette dislocate su tutto il territorio italiano. Gli alberi messi a dimora sono, a oggi, più di 80.000 con un abbattimento complessivo di CO2 pari a 56 milioni di kg: circa un chilogrammo per ogni cittadino italiano. Il Comitato ha ottenuto il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e partecipa alla campagna “Plant for the Planet” promossa dall’UNEP, il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente.

Il progetto nella Terra dei Fuochi – ha dichiarato Antonio Ferro, Presidente del Comitato Parchi per Kyoto è molto importante perché rappresenta il primo intervento realizzato dal Comitato che coinvolge direttamente i consumatori finali, grazie alla preziosa opera di sensibilizzazione promossa a livello locale dalle associazioni di impiantistica idraulica AFI.GE e AFI.PI. Ci auguriamo che questa collaborazione possa fare da apripista a numerose altre iniziative analoghe.

“Il nostro obiettivo si spinge oltre il completamento di questo stimolante progetto – ha sottolineato Biagio Leone, Presidente dell’AFI.GE e consiste nel far diventare consuetudine gli interventi di piantumazione legati alle installazioni. Sarà questa la vera sfida. Siamo fortemente determinati e i nostri clienti ci incoraggiano molto”.

“È una grande soddisfazione – ha affermato Simone Campani, Presidente dell’AFI.PI far parte di questo bellissimo progetto. Siamo già riusciti a coinvolgere tanti idraulici e a suscitare l’interesse dei cittadini. Le Amministrazioni Comunali, inoltre, si sono impegnate a divulgare l’iniziativa nelle scuole, per sensibilizzare i più piccoli. Quando le scelte dei singoli diventano azioni collettive, è davvero possibile iniziare a cambiare le cose. Il nostro augurio è che il progetto coinvolga sempre più persone e raggiunga gli importanti obiettivi prefissati”.

“Siamo felici e onorati di poter portare avanti questo importante progetto – ha detto Giusiana Russo, Presidente del Circolo Legambiente di Afragola. Grazie a questa opportunità oltre a piantare alberi e a realizzare un’area verde, cercheremo di seminare speranza nei giovanissimi e nei bambini di questo territorio, perché tutti insieme possiamo contribuire a costruire un futuro sostenibile per questa Città”.

Afragola è firmataria, assieme a molti Comuni circostanti, del Patto dei Sindaci per la Terra dei Fuochi, contro le illegalità e gli sversamenti abusivi perpetrati in questa zona.

Print Friendly, PDF & Email