Green Arrow Capital rileva da TPG Sixth Street Partners la quota rimanente detenuta nella joint venture creata per investire in impianti fotovoltaici italiani

235

Roma, 16 ottobre 2017 – Green Arrow Capital, boutique di investimento specializzata nel settore delle energie rinnovabili, e TPG Sixth Street Partners (“TSSP”), piattaforma globale specializzata nel credito per gli investimenti, annunciano che Green Arrow ha acquisito l’80% detenuto da TSSP nella joint venture che le due società avevano creato per investire in impianti fotovoltaici italiani. Green Arrow ha effettuato l’operazione per conto del fondo Radiant Clean Energy (“fondo Radiant”).

Green Arrow Capital e TSSP hanno creato la joint venture e iniziato a investire nel 2015. Green Arrow, che originariamente possedeva una quota del 20%, da oggi detiene il 100% degli impianti fotovoltaici della partnership.

Il controvalore per la quota dell’80% è stato di circa 24,7 milioni di euro.

Eugenio de Blasio, Fondatore e Managing partner di Green Arrow Capital, ha così commentato: “Siamo molto soddisfatti, l’acquisizione è per noi particolarmente rilevante ed in linea con il target di rendimento del fondo. Questa operazione completa una prima collaborazione che si è rivelata soddisfacente sia per noi che per TSSP. Siamo orgogliosi di aver partecipato al loro primo investimento nel settore delle energie rinnovabili in Italia e siamo pronti a collaborare in futuro su altre operazioni, incluse le opportunità che stiamo attualmente valutando. Attraverso il fondo Radiant continuiamo nel percorso di acquisizione di impianti di energia rinnovabile in Italia con l’obiettivo di diventare uno dei primi 5 operatori attivi nel Paese”.

Michael Feldman, Partner e Board Member di TSSP ha dichiarato: “Abbiamo trovato in Green Arrow Capital un partner affidabile ed in grado di ideare e gestire importanti opportunità di investimento nel settore delle rinnovabili. Siamo soddisfatti di questa prima esperienza con Green Arrow e ci auguriamo vivamente di collaborare ancora nel prossimo futuro”.

Print Friendly, PDF & Email