Exitone (Grupposti) firma accordo strategico con Panmed Energy Llc leader energetico giordano

66

Torino, 11 febbraio 2016 – EXITone, per il tramite di EXITone International LTD, società del gruppo STI, ha siglato un importante accordo commerciale con l’azienda giordana Panmed Energy LLC, leader mediorientale nel settore energetico, per lo sviluppo nell’area MENA (Medio Oriente e Nord Africa) e, nello specifico, nei paesi del Golfo persico.

L’obiettivo è l’abbattimento dei consumi energetici del 40% nella regione, in coerenza con la progressiva diversificazione dell’approvvigionamento energetico che si sta compiendo in Medio Oriente.

Negli Emirati Arabi, in particolare, già dal 2012 sono stati compiuti investimenti per 3 miliardi di euro in energia pulita, con l’obiettivo di installare entro il 2030 oltre 100 GW di potenza da fonti rinnovabili. In previsione di Expo Dubai 2020, infatti, l’area è diventata un epicentro strategico del settore e mira, secondo l’agenda nazionale UAE, a far crollare la produzione di gas dal 98% del 2012 al 76% del 2021.

Proprio in questa direzione va la partnership commerciale sottoscritta dal Presidente di EXITone Ezio Bigotti e Shermine Dajani, CEO di Panmed Energy e appartenente ad una delle famiglie che è parte della storia (non solo economica) araba, presso il quartier generale del gruppo STI a Pinerolo (TO).

L’accordo con la compagnia giordana, che ha in corso importanti investimenti anche in Italia nel settore dell’impiantistica e in quello delle rinnovabili, riguarda servizi finalizzati al rinnovamento energetico degli edifici e allo sviluppo di soluzioni in ottica smart city e legherà il gruppo piemontese all’azienda giordana per i prossimi due anni.

Le due aziende supporteranno i paesi del Nord Africa e del Medio Oriente e, nello specifico, i paesi del Golfo nel raggiungimento degli ambiziosi obiettivi di efficientamento energetico e di abbattimento dei consumi di energia elettrica e carbon foot printing che questi paesi si sono posti in ottica 2020, anno in cui si svolgerà, inoltre, l’Expo a Dubai.

L’intesa riguarda, in dettaglio, la fornitura di servizi in tre ambiti di intervento:

  • efficienza energetica: opportunità di realizzare interventi di efficientamento energetico presso i grandi complessi residenziali e commerciali, oltre ai grandi hub infrastrutturali,  che permettano la riduzione dei consumi e delle emissioni di Co2 grazie ad una attenta pianificazione degli interventi;
  • facility Management: opportunità di erogazione dei servizi di facility enhancer quali progettazione, pianificazione e governo di ogni tipo di servizio di supporto all’attività principale della azienda privata o dell’ente pubblico;
  • smart Building: opportunità di progettazione e gestione dei servizi di edilizia intelligente quali la building automation, l’eliminazione delle inefficienze energetiche ed alla riduzione degli sprechi.

Si tratta di un importante accordo strategico, in cui la ultradecennale esperienza di EXITone nell’ambito dell’efficientamento energetico e della valorizzazione edificio-impianto sarà affiancata dalle capacità specifiche sviluppate dalla Panmed Energy, leader nel settore energetico in Medio Oriente, nel supporto all’incremento della produzione e dell’uso di energie rinnovabili a livello nazionale, regionale ed internazionale.

“Siamo orgogliosi di aver sottoscritto il primo accordo a livello internazionale con un’azienda da sempre protagonista del mercato dell’energia come Panmed Energy – spiega Ezio Bigotti, Presidente di EXITone – Tale partnership si inserisce nell’ottica di un progressivo consolidamento sui mercati esteri ed è frutto di una profonda condivisione di valori fondanti il core business aziendale. Con questo prestigioso accordo – conclude il Presidente Ezio Bigotti– EXITone dimostra di essere ancora una volta in anticipo rispetto alle richieste del mercato, promuovendo contenuti innovativi e standard elevati di qualità del servizio”.

“Questo accordo commerciale rappresenta un prestigioso traguardo nel processo di efficientamento energetico del Medio Oriente e nello specifico degli Emirati Arabi, in vista di Expo Dubai 2020  –  commenta Shermine Dajani, CEO di PanMED Energy – L’area in cui andremo ad intervenire vedrà nel prossimo futuro una rapida trasformazione da un’economia prevalentemente basata sul petrolio a un’economia basata sui servizi e  sulle energie rinnovabili e partnership come quella con EXITone contribuiranno a questa evoluzione”.

 

Print Friendly, PDF & Email