Energia. Piso (Ncd): situazione in Italia da bollettino di guerra

15
Roma, 6 novembre 2014 – “La situazione delle problematiche relative all’energia in Italia sembra un bollettino di guerra: da Tirreno Power che apre la solidarietà per 155 dipendenti alla Thyssen, dove la proposta del Governo è far pagare meno l’energia per l’Ast di Terni, dallo stallo sull’estrazione degli idrocarburi, mentre la Croazia apre già le gare per i permessi di esplorazione in Adriatico, a Taranto che impedisce di completare il progetto di Tempa Rossa”. A dirlo è Vincenzo Piso, deputato del Nuovo Centrodestra e membro dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo.
 
“Tutto questo – continua Piso – trova responsabilità in una forte crisi congiunturale ma anche nell’arretratezza, farraginosità, immobilismo e ideologismo che da troppi anni condizionano negativamente il sistema Italia. A tutto questo va poi aggiunto l’ostruzionismo delle amministrazioni locali, spesso mosse esclusivamente da piccoli interessi localistici. Nonostante esista una strategia energetica nazionale, diventa quindi sempre più urgente una revisione del Titolo V della Costituzione. L’energia è argomento sul quale, acclarata la sua strategicità, a legiferare e a decidere, al netto delle verifiche e doverose compatibilità ambientali, deve essere lo Stato Centrale”.
 
Print Friendly, PDF & Email