Bosch supporta il Good Energy Award 2014, premio dedicato alle imprese operanti nel settore energetico

12

Milano, 4 febbraio 2013 – Anche quest’anno Bosch supporta il Good Energy Award (GEA), giunto alla V edizione. GEA è il riconoscimento dedicato a tutte le imprese italiane che operano nel settore della sostenibilità energetica ideato da Bernoni Grant Thornton – organizzazione attiva nel campo della consulenza tributaria e societaria nazionale e internazionale, nell’outsourcing e nell’advisory.

Good Energy Award, presentato oggi a Milano nello spazio Florim, è rivolto a società e organizzazioni operanti nel settore energetico o che abbiano attuato progetti, politiche e investimenti monitorabili volti all’innovazione nel settore dell’energia. Le categorie previste per l’edizione 2014 sono: industria; terziario; Real Estate; Pubblica Amministrazione e no profit; agroalimentare; Giovani speranze, e Start-up. L’adesione all’iniziativa è libera e gratuita e potrà avvenire fino al 14 aprile 2014. Il regolamento e i moduli di iscrizione al premio sono consultabili sul sito www.bernoni-grantthornton.it. Un’apposita giuria selezionerà i finalisti secondo i seguenti criteri: l’impegno profuso, le risorse e le tecnologie impiegate, i ritorni economici, il valore per il territorio, la collettività e gli stakeholders aziendali, nonché la ricerca di una sempre maggiore efficienza energetica. Tali elementi saranno valutati in base a parametri economici, finanziari, tecnici, ambientali e di relazione con il territorio ove il candidato opera. La cerimonia di premiazione si svolgerà presso la sede Bosch di Milano nel mese di giugno 2014.

In occasione del lancio della V edizione del Good Energy Award, COOPI-Cooperazione Internazionale, la vincitrice del premio 2013 per la categoria Pubblica Amministrazione e no profit, presenterà una ricerca sul tema “Sustainable energy for all, una sfida globale”. La ricerca si focalizza sulla capacità di accesso alle forme di energia a livello mondiale ed evidenzia che 1,3 miliardi di persone, di cui 585 milioni in Africa Subsahariana, non hanno accesso all’energia e 2,6 miliardi di uomini utilizzano la biomassa come principale fonte di energia.

Sono circa 1,45 milioni le persone che ogni anno perdono la vita a causa dell’inquinamento domestico, causato da stufe inefficienti: numero destinato ad aumentare, entro il 2030, fin oltre le 4.000 morti al giorno, diventando una delle principali cause di mortalità per bambini e donne (superiore perfino alle morti per HIV). Lo studio riporta un dato del World Economic Outlook (2012, Energy for All Case), che stima in 979 miliardi di USD – circa il 3% dell’investimento complessivo nei paesi in via di sviluppo, 49 miliardi l’anno – l’investimento per garantire l’accesso all’energia sostenibile per tutti entro il 2030.
È stata proprio la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio+20) a individuare uno dei focus nella capacità di rendere accessibile a tutti gli uomini del mondo l’energia sostenibile, con il commitment da parte di imprese, istituzioni e società civile, per una partnership globale finalizzata ai seguenti tre obiettivi: duplicare il tasso di miglioramento dell’efficienza energetica, duplicare la quota delle rinnovabili sull’energy mix complessivo e raggiungere entro il 2030 l’ accesso universale a servizi energetici moderni.

Per Bosch il settore energetico è molto importante, lo dimostra la volontà della multinazionale tedesca di ampliare il nuovo settore di business Energia e Tecnologie costruttive consolidando la posizione dell’azienda nel mercato dell’efficienza energetica. Il recente ingresso nel Gruppo di Bosch Energy and Building Solutions Italy ne è un’ulteriore conferma. La nuova realtà specializzata nella fornitura di servizi per l’efficienza energetica si occupa in maniera integrata di Cogenerazione, Building Automation, Energy Management, Facility Management, Illuminazione Pubblica, Costruzione e General Contracting. La gamma di servizi si avvale della conoscenza ed esperienza del Gruppo Bosch nel campo della tecnologia energetica e dell’edilizia: spazia dalla consulenza e ottimizzazione di impianti già esistenti, alla costruzione e messa in funzione di impianti completi e reti di riscaldamento a corto raggio.

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Secondo i dati preliminari, nel 2013, grazie agli oltre 281.000 collaboratori impiegati nelle aree di business Tecnologia Automotive, Energia e Tecnologie costruttive, Tecnologia industriale e Beni di consumo, il Gruppo Bosch ha registrato un fatturato di 46,4 miliardi di euro. Il Gruppo è costituto dall’azienda Robert Bosch GmbH e da più di 360 tra consociate e filiali in oltre 50 Paesi, 150 se si includono i partner commerciali. Le attività internazionali di sviluppo, di produzione e di vendita sono alla base della continua crescita. Nel 2013 Bosch ha registrato oltre 5.000 brevetti in tutto il mondo. Seguendo lo slogan “Tecnologia per la vita” Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo.

L’azienda è stata fondata a Stoccarda nel 1886 da Robert Bosch (1861-1942) come “Officina di meccanica di precisione ed elettrotecnica”. La struttura societaria della Robert Bosch GmbH assicura l’indipendenza imprenditoriale del Gruppo Bosch, permettendo all’azienda di perseguire strategie a lungo termine e di far fronte a nuovi investimenti che possano garantire il suo futuro. La Fondazione di pubblica utilità Robert Bosch Stiftung GmbH detiene il 92% delle partecipazioni della Robert Bosch GmbH. La maggioranza dei diritti di voto appartiene alla società fiduciaria Robert Bosch Industrietreuhand KG che gestisce le funzioni imprenditoriali dell’azienda. I diritti di voto e le partecipazioni restanti spettano alla famiglia Bosch e alla Robert Bosch GmbH.

Print Friendly, PDF & Email