ACCADUEO 2014: in attesa del più importante evento sui servizi idrici

42

28 maggio 2014 – Mostra delle Tecnologie per il trattamento e la distribuzione dell’acqua potabile e per il trattamento delle acque reflue.

PROFILO DELLA MANIFESTAZIONE
Accadueo da oltre 20 anni rappresenta il luogo di incontro per tutto il settore dei servizi idrici. Produttori di materiali, tecnologie ed attrezzature, aziende pubbliche e private di gestione integrata dei servizi idrici, municipalità ed imprese di esecuzione lavori hanno in Accadueo il momento di incontro e di confronto oltre che di aggiornamento. L’importante calendario di convegni e seminari tecnici dedicati all’approfondimento delle tematiche di maggior rilevanza con relatori di rilievo nazionale ed internazionale, costituisce un’occasione imperdibile per tutti gli specialisti del settore. Si conferma, anche nell’edizione 2014 l’abbinamento con CiAccaQuattro, il Salone del trasporto e della distribuzione del Gas – in programma negli stessi giorni di ACCADUEO – che consente di allargare l’orizzonte degli operatori all’intero panorama delle reti per il trasporto e la distribuzione dei fluidi ed H2O INDUSTRY focalizzato sulle tecnologie, sistemi di trattamento, apparecchiature e servizi dedicati alla gestione delle acque (di approvvigionamento, di processo, reflue) in ambito industriale.

UN PROGRAMMA CONVEGNI D’ECCELLENZA
L’articolato programma di convegni e seminari tecnici con relatori di rilievo internazionale costituirà anche per l’edizione 2014 uno dei fattori peculiari d’eccellenza della rassegna ed un’importante occasione di confronto e di aggiornamento professionale per gli operatori del settore. FEDERUTILITY, la più importante associazione del settore, coordinerà importanti convegni e workshop, durante i quali verranno trattati i temi di maggiore attualità, in particolare sviluppando il ruolo delle utilities nella ricerca e nella innovazione tecnologica, oltre agli opportuni approfondimenti sugli investimenti programmati nel servizio idrico, a partire dalla prioritaria depurazione.

Importanti contributi sono attesi anche dal mondo universitario e degli istituti di ricerca. Per le Università sono già definiti i contributi di centri studi a partire dal CSSI (sempre ben coordinato dal prof. Franchini) a cui fanno riferimento importanti facoltà di ingegneria e che affronterà il tema del rapporto tra Università e mondo dell’industria, ragionando sulle possibili collaborazioni e iniziative di trasferimento tecnologico (sui temi del risanamento ed efficienza delle reti di distribuzione attraverso la realizzazione dei distretti idrici, sulla gestione delle pressioni e delle perdite nella rete idrica, sulla diagnosi dei sistemi di adduzione nelle reti idriche mediante transitori,  sul monitoraggio delle infrastrutture fognarie, sul Global Vulnerability Assessment of Water Distribution System,  sul Sistema di supporto alla decisione per la gestione delle risorse idriche e molto altro ancora).
Un convegno di grande importanza sarà poi svolto da CSDU (ora con sede nella Università di Brescia); nell’evento verranno trattati i temi della gestione sostenibile delle acque meteoriche nelle aree urbane con particolare attenzione ai provvedimenti non strutturali diffusi come i dispositivi d’infiltrazione e i tetti verdi e quelli per il riuso delle acque meteoriche; tali tecnologie verranno affrontate anche nell’ottica dei regolamenti edilizi comunali che sempre più frequentemente affrontano tali tematiche.
Una interessante iniziativa sarà anche svolta dalla Università di Trieste (sotto la organizzazione del prof. Osti del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali) che affronterà il tema delle alterne vicende di partecipazione dei cittadini alla gestione dell’acqua, in particolare esaminando il delicato e spesso monocorde rapporto fra cittadini ed enti di gestione dell’acqua nell’ipotesi che manchi una saggia posizione mediana nell’oscillazione fra mobilitazioni temporanee e nettamente oppositive e pressioni costanti ma sotterranee di singoli gruppi di interesse (focus specifici saranno rivolti alla depurazione delle acque reflue, come anello debole del ciclo integrato; all’acqua bond di cui si cercherà di valutarne l’importanza rispetto al solo espediente finanziario; al tema fondamentale della sicurezza idrica nelle città e parlando anche dei contratti di fiume; per poi discutere infine sul ruolo delle autorità delle acque e gli enti esecutori).
Infine il prof. Viaggi dell’Università di Bologna che sta preparando un seminario sul delicato tema dell’acqua e le produzioni alimentari, valutando scenari, tecnologie e politiche.

Un contributo importante arriverà da Althesis che proporrà un’analisi di posizionamento strategico del sistema europeo delle imprese; la Luel affronterà la questione delicata degli indicatori standard e Refricerche che di recente ha istituito uno specifico laboratorio sull’acqua, un forum di analisi e discussione rivolto al mondo delle imprese, delle istituzioni e della finanza al fine di rilanciare il dibattito sul futuro dei servizi pubblici locali.

Tra i temi attesi di H20 avrà un forte rilievo la discussione sulle recenti sentenze del Tar Lombardia (no. 779 e 780/2014) che entrano nel merito delle tariffe relative al servizio idrico affermando che tale servizio è di interesse economico e, pertanto, i costi vanno integralmente coperti con i ricavi (principio del full cost recovery). Si tratta di tema importante in quanto sono, di fatto, stati rifiutati i ricorsi presentati dall’Associazione “Acqua Bene Comune”, Federconsumatori  e Codacons che mettevano in discussione il metodo tariffario transitorio (MTT), considerato una reintroduzione dalla remunerazione del capitale investito, in violazione dell’esito del secondo quesito referendario.

Infine, come sempre, importanti seminari e interventi da parte di associazioni di categoria e aziende produttrici di prodotti e di servizi.

Focus Rassegna CH4
Sul gas naturale, si svolgeranno importanti conferenze di aggiornamento sul quadro normativo, regolazione del settore ed approfondimenti sulla normativa tecnica sulla telegestione. CH4 avrà innanzitutto come ospite protagonista l’istituzione nazionale di maggior prestigio ed autorevolezza: il CIG (Comitato Italiano Gas).  Nelle tre giornate CIG ci saranno seminari di informazione e formazione di alto livello e su argomenti molto attuali: aggiornamenti sulle norme tecniche di recente emanazione, dati statistici e considerazioni sugli incidenti, approfondimenti sui temi riguardanti le assicurazioni agli utenti, le novità in materia di qualifica degli operatori del “post-contatore”, le novità tecnologiche sui rilevatori di gas, le grandi novità del Biometano. Un altro tema è quello delle misura, con le applicazioni dei contatori intelligenti e le prospettive di applicazione delle smart grid alle reti di distribuzione del gas. Con le associazioni industriali dei Distributori (ANIGAS e FEDERUTILITY) si prevede di affrontare l’attualissimo tema del “dialogo” tra le aziende di vendita ed i distributori, con particolare attenzione ai temi dello “switch” e del taglio fornitura per morosità.  L’associazione degli installatori, ASSISTAL con la propria presenza guarderà  il tema del gas dal punto di vista delle imprese che istallano e assicurano la manutenzione degli impianti, siano essi domestici che industriali.

La conferenza internazionale IWA
Tra le iniziative collaterali alla prossima edizione di ACCADUEO 2014, la conferenza internazionale “IWA – Water IDEAS 2014” rappresenta l’evento europeo di maggiore prestigio del settore a livello tecnico-scientifico sulla gestione efficiente delle reti acquedottistiche, organizzata da Labelab, Marco Fantozzi (European Representative for Water Loss Reduction of the International Water Association), con il supporto dell’International Water Association (IWA), in collaborazione con Università degli Studi di Ferrara, Università degli Studi di Perugia, FederUtility, Fondazione AMGA, MM, IREN, HERA, TEA, AIMAG  e della rete SWAN (Smart Water Networks). La Conferenza di tre giorni sarà dedicata alla presentazione ed alla discussione delle più recenti ed innovative strategie, tecniche ed applicazioni nella gestione dei sistemi idrici urbani a livello internazionale con particolare attenzione al coinvolgimento della ricerca scientifica, di avanzate esperienze gestionali e dei progetti europei in corso del settore. Water IDEAS 2014 segue una serie di conferenze di successo di IWA a livello internazionale (tra cui la conferenza “WaterLossEurope” tenutasi a Ferrara nel maggio 2012 in parallelo ad Accadueo2012).

Print Friendly, PDF & Email