USA e Russia a caccia di petrolio nell’Artico

37

usa russia flagPerforazioni petrolifere congiunte nel Mar glaciale artico, fraking per l’estrazione di shale gas in Siberia, costruzione di un terminale di esportazione del gas naturale nell’estdella Russia. Sono molte le operazioni che vedranno la collaborazione nel prossimo futuro tra Exxon Mobil Corp e OAO Rosneft (rispettivamente americana e russa), che già dal 2011 avevano avviato un avvicinamento a dispetto dei rapporti poco idilliaci tra le proprie nazioni di appartenenza.

Il vantaggio reciproco è dato, da un lato, dalle disponibilità finanziarie d’investimento e dalle competenze tecniche del colosso americano, dall’altro, dalle possibilità offerte dalla risorse naturali russe e dei Paesi che orbitano intorno a essa.

Le riserve stimate nella zona artica sfruttabili dal “ticket” energetico ammontano a 85 miliardi di btu, ma solo la prossima perforazione ne confermerà il valore. A ciò si aggiungono i 9,2 miliardi di btu in tight oil previsti nei campi della Siberia.

Un rapporto destinato a non risentire delle difficoltà diplomatiche tra USA e Russia, a quanto pare, stando anche alla voce di esperti e analisti, come Chris Weafer, amministratore delegato della società di consulenza Advisory Macro, secondo cui “i battibecchi diplomatici difficilmente faranno deragliare i rapporti”.

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Antonio Jr Ruggiero
33 anni, nato ad Avellino, giornalista professionista, laurea in comunicazione di massa e master in giornalismo conseguito all’Università di Torino. È direttore delle riviste CH4, EIDOS e Italia Energia. In precedenza ha lavorato nel settore delle relazioni istituzionali e ufficio stampa, oltre ad aver collaborato con diversi media nazionali e locali sia nel campo dell’energia sia della politica. È vincitore di numerosi premi giornalistici nazionali e internazionali.