Terremoto Emilia, dall’Autorità le novità per i morosi

21

Novità per i terremotati dell’Emilia del 20 maggio 2012. Lo scorso 17 dicembre l’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico ha emanato la Delibera 627/2015/R/com per la definizione del meccanismo di riconoscimento degli oneri della morosità relativo alla fornitura di energia elettrica, gas e servizio idrico integrato.

Ad essere interessate dal provvedimento le province di Bologna, Modena, Ferrara e Mantova in cui, nel periodo successivo al terremoto, c’è stata la sospensione temporanea (per un periodo di 6 mesi) del pagamento delle fatture emesse o da emettere a partire dalla data del sisma.

Diversi i provvedimenti con i quali l’Autorità ha cercato di normalizzare la situazione nel corso degli ultimi tre anni: con le deliberazioni 235/2012/R/com, 314/2012/R/com e 6/2013/R/com ha previsto, tra le altre disposizioni, l’anticipazione da parte della Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico degli importi relativi alle fatture di energia elettrica e gas per gli esercenti impossibilitati a pagare. Inoltre, con la deliberazione 6/2013/R/com ha introdotto obblighi di fatturazione, rateizzazione e informazione a tutela dei clienti interessati.

Alla difesa degli utenti coinvolti nel sisma, l’Autorità ha poi affiancato l’attività di individuazione e risoluzione dei casi di morosità. E’ con la Delibera 627/2015/R/com, pubblicata sul sito il 18 dicembre, che vuole disciplinare il meccanismo di riconoscimento dei crediti non riscossi relativi alle forniture di energia elettrica, gas naturale e servizio idrico integrato a partire dal 20 maggio 2012.

All’Articolo 2 viene prevista la facoltà per gli esercenti (tenendo conto delle diverse casistiche) di partecipare al meccanismo di riconoscimento dei crediti non riscossi – per quanto riguarda l’energia elettrica e il gas naturale – presentando apposita istanza alla Cassa conguaglio per il settore elettrico (secondo tempistiche e modalità previste dall‘Articolo 3). Per il servizio idrico integrato è l’Articolo 5 a chiarire il meccanismo di risconoscimento crediti, l’Articolo 6 a fornire le disposizioni utili ai gestori e l‘Articolo 7 per la Cassa pubblica.

In allegato il testo completo della Delibera 627/2015/R/com.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email