Sviluppo del digitale e nuovi modelli di business, così evolve il settore dell’energia

107

 Il ruolo dell’ elemento naturale nella progettazione urbana, l’evoluzione del mercato dell’energia alla luce della rivoluzione digitale. Ma anche gli scenari economici del settore nel prossimo futuro e l’esperienza della gestione di energia in realtà particolari come le stazioni spaziali. E’ stato un convegno ricco di temi e spunti di riflessione, quello che giovedì 12 maggio si è tenuto all’Unicredit Pavillon di Milano nell’ambito della giornata inaugurale dell’edizione 2016 del Festival dell’energia

A delineare un quadro generale del settore è stato Mauro Marchiaro, Managing Director di Accenture Italia – responsabile del settore energia, che ha sottolineato il ruolo sempre più rilevante dell’innovazione tecnologica. Una modalità di accesso ai servizi diversa rispetto al passato che vede l’utente come il centro nevralgico di un sistema in cui si stanno facendo strada nuovi modelli di business incentrati sull’erogazione di servizi sempre più personalizzati e un sempre maggiore  sviluppo di Internet of things e Big Data. 

Gli scenari di mercato legati anche in una prospettiva futura sono stati delineati da Leonardo Maugeri, ex-manager Eni e attualmente docente all’Harvard Kennedy School, che ha spiegato come il settore energetico vedrà un sorpasso del gas sul nucleare, superato anche  dal fotovoltaico, tecnologia al centro di una vera e priopria  “rivoluzione tecnologica” negli Stati Uniti. Se il centro nevraglgico dello sviluppo del fotovoltaico saranno gli USA, quello delle auto elettriche sarà, invece, l’Asia dove si stanno già costruendo vetture elettriche a basso costo.  

Tra i temi affrontati nel corso dell’incontro anche quello del ruolo dell’elemento naturale nella progettazione delle realtà urbane di cui ha parlato, nel suo intervento, l’architetto Stefano Boeri che ha illustrato il suo celebre “Bosco Verticale” e ha, inoltre, presentato l’idea di un progetto per la realizzazione di “un  sistema lineare di connessione” per la città di Milano.  Una sorta di grande “corridoio ecologico” che potrebbe essere costruito sul sistema degli scali merci milanesi. (Nel video l’intervista integrale)

 A concludere l’incontro l’intervento dell’astronauta Paolo Nespoli che ha parlato dell’importanza di una gestione energetica efficiente in una stazione spaziale, un sistema che si colloca in un ambiente fisico ostile e che diventa una sorta di “microgrid autonoma”. 

  

Qui di seguito l’intervista a Boeri e a Marchiaro (rilasciata prima del convegno in cui anticipa i temi del suo intervento)

 

http://www.youtube.com/watch?v=ZNP3MPAUwbQ

 

 

 

http://www.youtube.com/watch?v=MonccBwsFi0&feature=youtu.be

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Monica Giambersio

Giornalista professionista e videomaker. Laurea specialistica in Filosofia, master in giornalismo multimediale. Collaboro con Gruppo Italia Energia dal 2013.