Start up, il 10,6% opera in ambito energetico

14

Il mondo delle start up italiane mostra interesse per il settore green. A dirlo l’elaborazione dei dati effettuata da Bernoni Grant Thorton, basata su informazioni contenute nel Registro delle imprese, secondo cui, solo per citare qualche dato, sono Lombardia (107 su 1225), Emilia Romagna (82 su 656) e Veneto (44 su 413) le tre regioni in cui sono più presenti realtà produttive attente alla sostenibilità. Se, però, si prendono in considerazione in maniera specifica le percentuali, a salire sul podio sono il Trentino (16%) e il Friuli (14,3%). Passando dalla prospettiva regionale al quadro d’insieme si vede come su 5623 start up presenti in Italia 598 sono classificate come “impresa ad alto valore tecnologico in ambito energetico” ovvero il 10,6%. 

Una realtà, quella delle aziende, attenta alle problematiche ambientali in continuo aumento che da qualche anno ha portato Bernoni Grant Thornton a istituire Good Energy Award, il premio giunto alla settima edizione. L’iniziativa è realizzata con il contributo di BOSCH e COIMA Image, entrata di recente nel panel degli sponsor, con il supporto scientifico del Ministero dell’Ambiente, ANDAF (Associazione Nazionale direttori amministrativi e finanziari), Asseprim (Federazione Nazionale Servizi Professionali per le Imprese), l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano, Università degli Studi di Trento, Università degli Studi di Milano, Trentino Sviluppo e Fipe.

Le categorie in cui le diverse aziende potranno “gareggiare” presentando un progetto incentrato su efficienza energetica e innovazione, sono: industria, terziario, pubblica amministrazione e no profit, giovani speranze e start-up. Le candidature potranno essere presentate online entro il 10 giugno 2016 (si è partiti il 20 aprile) e le schede di adesione e il materiale di supporto dovrà essere inviato al seguente indirizzo mail direzionepremio@bernoni.it.gt.com.

Print Friendly, PDF & Email