Spalma-incentivi, per AssoRinnovabili effetti negativi su investimenti esteri

19

E’ uno scenario caratterizzato da ricadute negative in termini di occupazione, perdite in termini investimenti a livello internazionale e potenziale default per parecchie realtà produttive del settore,  quello prospettato da AssoRinnovabili durante il convegno “Nuove regole per il fotovoltaico: a quale costo?”, tenutosi ieri a Milano, dedicato alle nuove norme del cosiddetto “spalma-incentivi”.

Il provvedimento, contenuto nel decreto legge 91/2014 e di cui molto si è dibattuto tra gli addetti ai lavori, prevede, infatti, una riduzione degli incentivi per gli impianti fotovoltaici che superano i 200 kWp di potenza e rischia, secondo l’associazione, non solo di penalizzare le aziende che hanno investito nel settore, ma anche di danneggiare il nostro Paese per quanto riguarda l’ambito degli investimenti internazionali.

La partita che AssoRinnovabili intende giocare per cercare di limitare l’impatto del decreto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 24 giugno,  si giocherà durante queste prime due settimane di luglio, durante le quali sono previste le audizioni e la presentazione degli emendamenti alla commissione competente in Senato.

“Non immaginiamo siano possibili stravolgimenti” ha affermato, riferendosi al margine d’azione offerto dagli emendanti, Paolo Lugiato di AssoRinnovabili che, tuttavia, ha aggiunto come si tenterà di effettuare  alcuni “interventi chirurgici” sottolineando il ruolo determinante di un’azione coesa degli operatori del settore e di una campagna stampa in grado di comunicare in maniera efficace le ragioni del malcontento. Sulla questione di un’eventuale incostituzionalità del decreto, si è soffermato l’avvocato Carlo Montella dello studio legale ORRIK che, inoltre, ha ribadito l’importanza di “mantenere alta la tensione attraverso la stampa straniera” per trasferire il dibattito sulle pagine dei giornali internazionali, una mossa che potrebbe dare i suoi frutti sensibilizzando il Governo sulla questione.

Print Friendly, PDF & Email