Siamo i più efficienti, parola di Avvenia

239

Siamo i più efficienti o meglio, l’Italia è il paese a più elevata efficienza energetica tra quelli più industrializzati, e per essere ancora più precisi, “il consumo finale di energia nel nostro Paese è pari a 2,4 TEPpro capite, il più basso tra quelli dei Paesi più industrializzati”. A rendere noto il dato è stata Avvenia, leader della White Economy e dell’efficienza energetica.

Se la media Ue del consumo finale di energia è infatti di 2,7 TEP (tonnellate equivalenti di petrolio) per abitante- viene precisato in una nota – nel Bel Paese il consumo finale pro capite è pari a 2,4 TEP, il più basso tra quelli dei Paesi con un analogo sviluppo industriale, contro i 2,7 TEP del Regno Unito, i 2,9 TEP della Francia, i 3,2 TEP della Germania, i 3,8 TEP dell’Olanda e i 9,5 TEP del Lussemburgo.

Per quanto riguarda il settore industriale, il cui consumo energetico in Italia è pari a 30 MTEP, l’andamento ha evidenziato un incremento tra il 1990 e il 2005 del 13% circa; ma dal 2005 al 2009 vi è stata una riduzione importante, del 27%. Mentre, per il “settore residenziale, il cui consumo energetico è pari a 26 MTEP, il trend è stato costante, evidenziando però oggi una riduzione del consumo di energia per abitazione del 3% rispetto al decennio precedente, prevalentemente grazie alla diffusione di apparecchi elettrici meno energivori, sottolineano gli esperti di Avvenia”. Infine , “anche nel settore dei servizi il consumo energetico si è dimostrato costante nel tempo e si è attestato sui 20 MTEP.

Mentre in quello dei trasporti i consumi sono aumentati progressivamente fino al 2007, segnando a partire dal 2008 un’inversione di tendenza al ritmo di un 4% di riduzione annua che hanno fatto attestare il settore dei trasporti a 43 MTEP”. Abbiamo fatto dell’efficienza energetica una priorità assoluta e siamo oggi un modello per gli altri Paesi – ha detto l’ingegner Giovanni Campaniello, fondatore e amministratore unico di Avvenia – L’Italia è infatti prima assoluta per l’efficienza energetica nella categoria «trasporti» e seconda nella media di tutte le categorie di efficienza energetica, come risulta dalla graduatoria dell’«American Council for an Energy-Efficient Economy» di Washington.

Per raggiungere questo obiettivo di risparmio –sottolinea la nota di Avvenia – l’Italia ha messo in atto con successo una serie di misure: dall’implementazione del meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica alla prescrizione degli standard minimi di prestazione energetica degli edifici, dal riconoscimento di cospicue detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici esistenti a quelle per l’installazione di motori elettrici ad alta efficienza e dei regolatori di frequenza. E poi ancora misure di incentivazione al rinnovo eco-sostenibile del parco autovetture e autocarri e via dicendo. Un dato certo, secondo Avvenia, è quello che “ il Piano d’Azione italiano per l’Efficienza Energetica (PAEE) presentato alla Commissione Europea nel 2007 ha consentito di implementare in Italia misure tra le più efficaci al mondo per il miglioramento dell’efficienza energetica e dei servizi energetici nei settori di uso finale, portando a un risparmio energetico annuale pari al 9,6% del consumo di riferimento al 2016”.

“I risultati raggiunti sono soddisfacenti, ma rimane comunque qualcosa da fare”. Così ha concluso l’ingegner Campaniello, riferendosi in particolare alla necessità di creare un mercato interno europeo dell’energia, argomento su cui peraltro, ieri si è incentrato anche il discorso del Commissario per l’Azione per il clima e l’energia, Miguel Arias Cañete, durante la chiusura della conferenza sulla competitività della politica energetica dell’UE, svoltasi a Bruxelles. Le misure adottate hanno permesso al nostro paese di scendere a -19% di intensità energetica primaria rispetto alla media UE, rendendoci il paese più efficiente, e restando al di sotto degli obiettivi prefissati.

Print Friendly, PDF & Email