Polonia, fiducia nel fotovoltaico nonostante l’adeguamento normativo slitta

255

Le previsioni per lo sviluppo del settore fotovoltaico in Polonia nel 2016 sono molto promettenti. Secondo le statistiche, il mercato mondiale del fotovoltaico è cresciuto del 34% nel 2015. In Polonia i dati forniti dall’Ufficio di regolamentazione dell’energia, rivelano un numero degli impianti fotovoltaici, dopo il terzo trimestre del 2015 pari a 2.996 e una capacità totale al 69,18 MW.

Lo stesso numero dei Prosumer, per quanto sia ancora di dimensioni ridotte è in crescita dinamica. Elemento chiave la normativa legge sulle fonti di energia rinnovabili (“Legge RES”)  che prevede che qualsiasi eccesso di energia prodotta possa essere venduta alla rete elettrica secondo la tariffe incentivanti. La promessa di un sostegno sotto forma di sistema di feed-in tariff spinge diverse persone a costruire i propri impianti di microgenerazione basati su fonti rinnovabili.

Ma non solo, nel Paese a seguito della modifica alla RES del 29 dicembre 2015, che prevede un rinvio dell’introduzione di modifiche nel sistema di sostegno alle fonti energetiche rinnovabili (“OZE”) di cui al capitolo 4 della legge RES dal 1 ° gennaio 2016 (rimandate poi  al 1° luglio 2016 per perfezionare  il sistema di sostegno per le energie rinnovabili e verificare, anche con la Commissione europea  la conformità dei meccanismi di sostegno di Stato con il diritto dell’Unione) prevedono un nuovo regime di sostegno, una modifica delle aste di energia rinnovabile e il sistema di feed-in tariff per prosumer.

Altre modifiche sostanziali: il sistema di sostegno sotto forma di certificati di origine che non saranno più disponibili per grandi centrali idroelettriche (> 5 MW) rispetto l’energia prodotta a partire dal 1 gennaio 2016. Sorte simile per le multi-combustibile del bruciatore (non a impianti dedicati impianti bruciatori multi-carburante), partendo dalla stessa data riceverà la metà delle certificazioni per l’energia prodotta rispetto a  prima.

La modifica include anche disposizioni che consentono il rilascio di certificati di origine sulla base delle normative esistenti per i prossimi sei mesi, e estende l’obbligo esistente di acquistare energia elettrica e calore da impianti di energia rinnovabile da fornitori o entità coinvolte nel commercio di tale energia. Alcuni fornitori designati a livello politico dovranno invece acquistare l’energia prodotta dai prosumer in microgenerazione. A questo viene anche aggiunto che il prezzo di acquisto viene aumentato dal 80% attuale al 100% del prezzo medio dell’energia sul mercato competitivo, rispetto al trimestre precedente.

Sono stati previsti anche regolamenti temporanei che mantengono la possibilità per i clienti industriali di risolvere singolarmente e usufruire degli sconti in materia di adempimento dell’obbligo di rimborsare i certificati di origine. Tali clienti saranno tenuti a rispettare tale obbligo separatamente per il periodo 1 ° gennaio – 30 giugno 2016. Ciò andrà presentato al presidente dell’Ufficio regolamentazione del settore energetico prima del 31 Agosto 2017.

Il ritardo entrata in vigore del nuovo sistema di sostegno alle FER ha anche comportato il ritardo nella riscossione della tassa RES. Le tariffe approvate dal presidente dell’Ufficio regolamentazione del settore energetico nella sezione relativa tale riscossione del canone, verranno applicate a partire 1 luglio 2016. 

Nonostante le modifiche all’assetto regolatorio si prospetta un aumento della capacità totale degli impianti di 50-60 MW come afferma in una nota stampa Stanisław M. Pietruszko, PhD, Presidente della Società polacca per Fotovoltaico: “Non c’è dubbio che il numero di nuovi impianti in Polonia sarà influenzato dalla  legge , ma la crescita sarà evidente comunque. Le disposizioni concernenti microsistemi non entreranno in vigore fino al 1 ° luglio 2016. Il tempo rimanente deve essere utilizzato per organizzarsi amministrativamente, tecnologicamente e fiscalmente. Al fine di evitare una percezione negativa del fotovoltaico, ciò è fondamentale per garantire la corretta installazione di impianti con l’utilizzo di componenti di alta qualità. “

Print Friendly, PDF & Email