Norvegia, fondo sovrano di investimento esclude 52 aziende per eccessivi ricavi legati al carbone

30

Il fondo sovrano norvegese, uno dei più grandi al mondo, ha escluso 52 aziende del settore energetico per il fatto che ottengono più del 30% dei loro ricavi dal carbone. Ad annunciarlo è stata in questi giorni la banca centrale norvegese, come riporta il sito del Guardian che dà la notizia.  Una decisione mossa da motivazioni di carattere etico e  legata alla sempre maggiore importanza conferita dagli investitori alla lotta al cambiamento climatico

La decisione del Parlamento norvegese sulla questione risaliva al giugno 2015 e il provvedimento è entrato in vigore a partire dal 1 febbraio.  Il Fondo attualmente vale circa 7.11  trilioni di corone (864 miliardi di dollari ) e con questa decisione ha posto dei veti ad aziende come China Coal Energy, AES, e Peabody Energy, il più grande produttore di carbone americano che ha presentato istanza di fallimento. Nella lista nera rientrano anche diverse società indiane come Reliance Power e Tata Power, tre gruppi giapponesi e alcune società europee.

Print Friendly, PDF & Email