Durante i prossimi mondiali di calcio (Russia dal 14 giugno al 15 luglio) il riscaldamento delle superfici erbose sarà realizzato tramite sistemi radianti. A fornire la soluzione sarà REHAU, azienda tedesca specializzata nello sviluppo di prodotti per l’edilizia residenziale, civile ed industriale. La tecnologia fornita dall’azienda, presente in 8 dei 12 stadi dove si giocheranno le partite, permetterà, si legge in una nota, di “garantire ottimali condizioni del terreno di gioco grazie al suo sistema di tubazioni di riscaldamento, drenaggio, irrigazione e distribuzione”.   

Come funziona

Il funzionamento del sistema è analogo a quello degli impianti pensati per l’uso residenziale. “Le tubazioni ed i circuiti di riscaldamento, posati 25-30 centimetri al di sotto del manto erboso permettono  una distribuzione omogenea del calore e l’assenza di danni alla cotica erbosa“. Inoltre il sistema denominato “pitch heating” entra in funzione quando le temperature esterne sono particolarmente rigide. Ciò consente di ottenere un completo scioglimento di ghiaccio e/o neve sul campo da gioco con un notevole risparmio energetico generato da un consumo ridotto di energia primaria.

Vantaggi

L’impiego dei tubi RAUTHERM in PE-Xa, posati in modo omogeneo grazie al sistema RAILFIX e collegati al collettore di distribuzione Tichelmann, appositamente sviluppato per mantenere le pressioni differenziali costanti ai capi delle serpentine ed assicurare l’uniformità delle portate, consente l’utilizzo dei campi da gioco per 365 giorni all’anno”. In questo modo si evitano l’annullamento di partite a causa delle condizioni meteorologiche avverse, si sgombra  il manto erboso dal ghiaccio, nonchè eventuali allagamenti grazie al sistema di drenaggio ad alta efficienza RAUDRIL. Infine si contribuisce a mantenere la permeabilità delle superfici garantendo la sicurezza dei calciatori professionisti.

 

Sulle scelte energetiche dei mondiali di Calcio leggi anche:
La Russia sceglie le luci made in Italy

Print Friendly, PDF & Email