I rifiuti in plastica presenti in quantità massiccia nei mari di tutto il mondo non solo minano la qualità delle acque e la fauna marina, ma contribuiscono, nel corso del loro processo di degradazione, a emettere gas in atmosfera come etilene o metano. E’ quanto rivela uno studio pubblicato sulla rivista scientifica PLOS ONE, come si legge in un articolo del sito francese Science et Avenir.

Interrompere produzione dei prodotti monouso

La nostra scoperta dimostra ancora una volta la necessità di interrompere la produzione di materie plastiche alla fonte, in particolare i prodotti monouso“, spiega sul sito francese la co-autrice della ricerca Sarah-Jeanne Royer, ricercatrice presso l’Università di Toronto.

I test

Dalle ricerche degli scienziati è emerso come tra i polimeri di plastica analizzati dai rifiuti raccolti, il polietilene fosse quello che produceva più gas serra. Secondo i ricercatori è fondamentale concentrare l’attenzione anche su questi rifiuti nei calcoli relativi al ciclo di metano ed etilene, cosa che finora non è stata fatta.

Print Friendly, PDF & Email