siti inquinatiLa Regione Lombardia erogherà ai comuni di Mazzano (BS), Vimercate (MB) e Redavalle (PV) 1,3 mln di euro per la bonifica dei siti inquinati. Il finanziamento, approvato ieri dalla giunta regionale, coprirà la caratterizzazione/progettazione della bonifica, l’esecuzione e gli interventi di messa in sicurezza d’emergenza. Interventi richiesti dalle stesse amministrazioni locali “nel rispetto degli obiettivi previsti dal Programma regionale di Bonifica delle aree inquinate” e come previsto dalla programmazione economico-finanziaria 2017, sottolinea in nota stampa l’Assessore regionale all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Terzi.

Tutelare la salute dei cittadini e dell’ambiente

Un’attività “imprescindibile”  quella della bonifica dei siti inquinati, rimarca in nota l’Assessore, per “risanare situazioni che non sono state risolte nè dal responsabile dell’inquinamento nè dai proprietari del sito” e perseguire “la tutela dell’ambiente oltre alla salute dei cittadini”. Infatti, questo finanziamento fa seguito al provvedimento dello scorso luglio finanziato con oltre 1 mln di euro per interventi di bonifica nelle province di Varese, Pavia, Milano, Bergamo e Mantova.

Il progetto di Redavalle

Il finanziamento richiesto per interventi di caratterizzazione dell’area ex Cava Bazzini a Redavalle è di 170.000 euro. Qui fino agli anni ’80 sono stati depositati materiali successivamente catalogati come rifiuti speciali pericolosi (melme acide, fanghi, scarti di amianto, etc.). L’area era stata già inserita nel Piano Stralcio di Bonifica delle aree inquinate nel 2004 e oggi la Regione vuole ultimare il lavoro e sbloccare “tutte quelle situazioni che, senza il nostro intervento, rimarrebbero immobili per anni e che potrebbero costituire un rischio sia per la salute dei cittadini sia per l’ambiente”, ha concluso la Terzi in nota stampa.

Print Friendly, PDF & Email