L’efficienza energetica ai tempi del web 2.0

19

08042014-al-via-gli-stati-generali-delleffici-L-4uo mnUn settore che, seppur dotato di un alto potenziale per ridurre costi e garantire ritorni economici sugli investimenti, non viene sfruttato in maniera adeguata in uno scenario in evoluzione normativa, come quello europeo, dove l’aumento della richiesta di energia renderà, nel lungo periodo, la capacità di ottimizzare le risorse a disposizione una necessità sempre più impellente.

E’ questo il quadro del comparto efficienza energetica in Italia, emerso dall’incontro di presentazione, tenutosi martedì 6 maggio al Politecnico Bovisa di Milano, della piattaforma web “statigeneralidell’efficienzaenergetica.it”, una consultazione online promossa da Enea con il supporto tecnico di EfficiencyKnow che, fino al prossimo 25 luglio, coinvolgerà tutti gli attori operanti a diverso titolo in questo campo, con l’obiettivo di individuare le priorità su cui intervenire per rendere il comparto energetico italiano più competitivo. Priorità che, in un’ottica lungimirante, come evidenziato da Marco Pezzaglia, Founding Partner di EfficiencyKnow, dovranno fronteggiare sfide sempre più legate alla capacità del nostro Paese di percorrere la via dell’integrazione normativa, dell’introduzione di regole di mercato volte a favorire uno sviluppo non imbrigliato in rigidi vincoli e di modalità operative legate alla promozione della ricerca, con l’obiettivo di far assurgere l’efficienza energetica a sistema.

Tappa finale di questa iniziativa di consultazione sarà il summit, interamente dedicato ai temi dell’ottimizzazione dei consumi energetici, in programma a Verona il 9 ottobre nell’ambito di Smart Energy Expo durante il quale verrà esposto in un paper tutto il materiale raccolto.

“I contributi degli utenti sul sito – ha spiegato il Presidente di Stati Generali dell’Efficienza Energetica Alessandro Ortisdaranno la possibilità di mettere a punto idee, proposte da portare all’attenzione delle responsabilità parlamentari e governative e della regolazione. Lo scopo è, quindi, proprio quello di offrire all’attenzione di chi ha le responsabilità dei quadri normativi legislativi e regolatori quanto emerso durante il processo di consultazione”.

Un progetto improntato a un approccio partecipativo, dunque, caratterizzato da una prospettiva poliedrica e trasversale, come spiegato da Marialesandra Carro, Strategic Planning di EfficiencyNow, nell’ambito del quale aziende, organizzazioni di ricerca, professionisti e consumatori, potranno dare il loro apporto all’interno delle sezioni del sito dedicate alle diverse aree tematiche (semplificazione, finanziabilità, comunicazione, formazione, dinamiche domanda/offerta), ma soprattutto un’occasione per creare dibattito su un settore, come quello dell’efficienza, che potrebbe rivestire un ruolo strategico, in termini di competitività, per il sistema energetico italiano.  

Print Friendly, PDF & Email