Kinexia, la via per i mercati esteri passa da Londra

22

“Abbiamo immaginato che fosse più facile pensare l’internazionale non dall’Italia, ma dal mercato UK. Questa è stata la svolta. Quindi significa che noi ci orienteremo a selezionare management di quel mercato, anche italiano, ma stabilmente presente lì. Le relazioni con i fondi, con i partner li valuteremo in quella sede. Vogliamo abituare il nostro gruppo, che storicamente è stato rivolto a un mercato domestico, a pensare l’internazionale da Londra. E’ una scelta di campo, è una scelta innanzitutto culturale e poi è anche un’opportunità da andare a cogliere”.

Con queste parole Pietro Colucci, presidente di Kinexia – società quotata al segmento MTA di Borsa Italiana, attiva nei settori delle Energie Rinnovabili e dell’Ambiente – descrive i motivi alla base della decisione di investire nel Regno Unito in occasione dell’ottava edizione UK-Italy Business Awards, tenutasi giovedì 22 gennaio a Milano. Nell’ambito della manifestazione, organizzata in collaborazione con Borsa Italiana,  sono state premiate le imprese che si sono avvalse dell’assistenza di UK Trade & Investement,  l’agenzia governativa, con sede nel Regno Unito, che fornisce assistenza alle imprese aziende estere che effettuano investimenti di alto profilo in UK.

Kinexia, in particolare, si è aggiudicata il Green Economy Award per aver scelto di investire, nel 2014, 50 milioni di sterline in una nuova holding britannica con sede a Londra sfruttando le opportunità offerte dal mercato britannico come perno per approcciare in maniera più competitiva lo scenario internazionale. 

Qui di seguito l’intervista integrale al presidente di Kinexia Pietro Colucci che parla della scelta di investire in UK e un contributo del Console Generale Britannico a Milano Tim Flear

Print Friendly, PDF & Email