Impianti a biogas e cogenerazione, così si produce l’energia dai reflui animali

103

panoramicaProdurre energia a partire dai reflui prodotti da un allevamento bovino e all’occorrenza da quelli di un allevamento avicolo. È quanto avviene a Flumignano di Talmasson, in provincia di Udine nell’azienda agricola Bianchini Fratelli grazie alla presenza di un impianto biogas che utilizza pollina e letame bovino e a un’unità di cogenerazione

In particolare l’impianto biogas, dotato della tecnologia Envitec Envifarm Compact, sfrutta un digestore mesofilo monostadio da 1200 metri cubi che è in grado di ottenere in un anno circa 400.000 metri cubi di biogas a partire da 4000 tonnellate all’anno  di liquame bovino e 900 tonnellate annue di pollina. 

Il biogas così prodotto viene bruciato in unità di cogenerazione 2G filius 106 da 100 KW elettrici. Mentre l’energia termica generata serve a mantenere a livelli adeguati la temperatura del digestore (e in futuro in un sistema di teleriscaldamento per far fonte al bisogno di calore dell’azienda), quella elettrica viene interamente ceduta in rete. 

Il nuovo biogas agricolo installato da noi negli ultimi mesi in stretta collaborazione con le migliori aziende fornitrici di biologia è per la maggior parte di piccole e medie dimensioni, con una concentrazione attorno alla taglia dei 100 kW. In questo spazio la nostra offerta di punta è la linea filius, specializzata per le applicazioni a biogas, che si basa su motori ottimizzati per ridurre al minimo i costi di gestione, che nel piccolo biogas pesano proporzionalmente di più”, spiega in una nota Christian Manca, CEO di 2G Italia

Print Friendly, PDF & Email