Il nuovo polo fotovoltaico italiano nasce in Bosnia

13

Creare uno dei più grandi insediamenti produttivi d’Europa nella filiera del fotovoltaico a firma totalmente italiana. Questo l’obiettivo della società padovana MegaGroup, che ha sottoscritto nei giorni scorsi un accordo con la Municipalità di Kozarska Dubica, in Bosnia, per l’acquisto di 20.000 m² di terreno nella zona industriale “Lipova Greda”, dove far sorgere un insediamento produttivo di “lingotti” e “wafer” di silicio per uso FV.

La nuova unità produttiva avrà una capacità annua di 120 MW e sarà avviata entro fine 2016 con un investimento di 12,5 milioni di euro. Il progetto prevede, in una seconda fase, l’espansione della capacità produttiva e la creazione di altre parti della filiera FER, con un investimento complessivo di 35 milioni di euro.

Secondo Franco Traverso, Presidente del Gruppo, si tratterà di un polo fotovoltaico di riferimento a livello mondiale” per la fornitura di materia prima per la produzione di celle e moduli: “Un elemento essenziale di una strategia che mira a rendere il fotovoltaico altamente competitivo con l’energia da fonti fossili”.

La scelta della località bosniaca da parte di MegaGroup, spiega una nota, è legata alla presenza di infrastrutture ed elementi favorevoli alle produzioni energy intensive: “Il polo fotovoltaico che verrà creato potrà infatti beneficiare di un costo di energia tra i più favorevoli al mondo, di manodopera specializzata e a bassa spesa e di un forte supporto da parte del Governo locale. Inoltre, l’energia utilizzata sarà idroelettrica, quindi green”.

Print Friendly, PDF & Email