IEA: sulla decarbonizzazione si potrebbe fare di più

81

La diffusione di tecnologie per la produzione di energia pulita a livello mondiale è inferiore a quanto sarebbe invece necessario, nonostante gli obiettivi per limitare il fenomeno del cambiamento climatico siano realizzabili.

A dirlo, come riporta World Nuclear News,  è l’Agenzia Internazionale per l’Energia (AIE) che nel suo rapporto annuale “Energy Technology Perspectives 2016” ha sottolineato come tuttavia ci siano stati degli sviluppi positivi in termini di diffusione di tecnologie per le rinnovabili che sono arrivate a contribuire a circa il 23% della produzione mondiale di energia elettrica.

Con il giusto supporto per tecnologie a basse emissioni in processi di conversione – si legge nel report dell’AIE  –  la domanda di energia primaria può essere ridotta del 30% e le emissioni di carbonio nel sistema energetico del 70% (e della metà rispetto ai livelli attuali) entro il 2050 “. Secondo l’organizzazione il costo della decarbonizzazione – nello scenario relativo all’obiettivo  di riduzione delle temperature globali di  2 gradi centigradi – si aggirerebbe intorno ai 9 trilioni di dollari tra il 2016 e il 2050. In questo previsione la quota di combustibili fossili passerebbe dall’ 80% del 2011 a poco più del 40% nel 2050. Un ruolo importante potrebbe essere rivestito dal nucleare: con un aumento  di produzione intorno ai 22 GWe annui si arriverebbe a ridurre del 7% le emissioni entro il 2050. Tuttavia il ruolo del nucleare nella riduzione delle emissioni deve essere supportato in maniera più rilevante e trasdotto in provvedimenti concreti come ad esempio tasse sul carbonio o accordi nel mercato dell’elettricità. 

 In generale secondo l’AIE “Anche in un contesto caratterizzato da bassi prezzi dei carburanti fossili, il sostegno politico per le tecnologie a basse emissioni dovrebbe mobilitare tutte le leve disponibili per accelerare la ricerca, lo sviluppo, e la diffusionedi queste soluzioni cercando di rendere la decarbonizzazione il percorso di sviluppo privilegiato.

Print Friendly, PDF & Email