Eolico2015: una potenza da record che cresce, parola di GWEC

13

Dopo un 2013 in calo, l’industria eolica nel 2014 torna a crescere stabilendo un nuovo record globale:51.477 MW di nuova capacità di generazione istallata(+44%). A rendere noto il dato è il Global Wind Energy Council (GWEC) che in una nota spiega come questa forte crescita rappresenti “ un solido segno della ripresa del settore dopo un momento difficile negli ultimi anni”.

“L’energia eolica – ha affermato Steve Sawyer, segretario generale GWEC – è il modo più competitivo di incrementare la capacità di produzione di energia verso la rete in un numero sempre crescente di mercati di tutto il mondo, anche se in competizione con operatori storici pesantemente sovvenzionati. L’eolico – ha aggiunto il segretario – è una tecnologia in rapida maturazione, con l’affidabilità e una competitività provata. Non solo i prezzi bassi, ma anche il costo-stabilità dell’energia eolica la rende un’opzione molto attraente per le utilities, i produttori indipendenti e le aziende che sono alla ricerca di una copertura contro i fluttuanti prezzi dei combustibili fossili”.

Dando uno sguardo al mondo, la nota sottolinea come “la Cina continua a guidare la crescita globale, stabilendo un altro record di nuova potenza eolica istallata nel 2014 con 23.351 MW pari al 45% del mercato globale, e dominando sulle installazioni totali del mercato asiatico leader mondiale di 26.161 MW.

Poi, “l’ India 2.315 MW istallati, era al secondo posto, anche se la scena è ora impostata per un nuovo ciclo di crescita del mercato in quel paese”.

E ancora il mercato europeo “cresciuto marginalmente nel 2014, con 12.820 MW di nuova capacità, e solo timido di record di 2012 di. Germania 5.279 MW di nuova capacità fracassato il vecchio record e cementato la sua posizione di leader del mercato europeo, con il Regno Unito un secondo distante a 1.736. La Svezia ha superato la soglia di 1.000 MW per la prima volta con 1.050 MW, e la Francia era l’ultimo dei quattro mercati europei superando 1 GW con 1.042 MW installati lo scorso anno”.

Per arrivare all’africa dove, è stato messo in funzione il più grande parco eolico del continente (a Tarfaya in Marocco 300 MW) che, insieme al mercato del Sud Africa (560MW) ha fatto raggiungere agli africani 934 MW di potenza istallata.

Il Brasile che con  2.472 MW di nuovi impianti ha portato le istallazioni latinoamericani a3.749 MW.

“Il mercato statunitense ha recuperato nel 2014 dal nadir 2013 di 4.854 MW, con, Canada (1.871 MW) stabilito un nuovo record e il Messico (522 MW) era solido. Australia 567 MW ha mostrato che il settore delle energie rinnovabili in Australia non è morto, nonostante gli sforzi del governo per ucciderlo”.

L’industria eolica – ha concluso il Segretario Generale – è una soluzione chiave per il cambiamento climatico, l’inquinamento atmosferico, la sicurezza energetica, la stabilità dei prezzi e un autista di nuove industrie e l’occupazione”.

 

Print Friendly, PDF & Email