Efficienza, verso i giusti compromessi

68

Creare un fronte comune, un tavolo condiviso, per acquisire forza di fronte alle Istituzioni. Presentare le stesse criticità al Governo può essere la leva vincente per spingerlo a lavorare sui reali bisogni degli stakeholder operanti nel settore dell’efficienza.

Ed è questo l’obiettivo palesato nel convegno FireCertificati bianchi: titoli di efficienza energetica a portata di mano” svoltosi a Roma lo scorso 19 marzo.

È Claudio Artioli di Federutility a farsi portavoce dagli operatori presenti in sala elencando le maggiori criticità che hanno incontrato nel corso degli anni: “In primo luogo occorre snellire l’iter burocratico e la presentazione dei progetti, ad esempio sostituendo le email alla carta. A chi sostiene che PPPM e schede standard non servano più rispondo che non è vero: il futuro del meccanismo dei certificati bianchi risiede nell’industria e nei progetti a consuntivo, ma non per questo si devono abbandonare le schede tecniche. Il decollo del meccanismo dei TEE è avvenuto grazie al tau, il coefficiente di durabilità: non bisogna ostacolarne il modus operandi, perché ha il pregio di riconoscere i risparmi potenziali dell’intervento nell’ottica dell’univocità della vita tecnica di ogni dispositivo. Le ESCo possono elevare il generale livello qualitativo degli interventi, ma occorre escludere coloro che vogliono conquistare i certificati bianchi con un approccio ‘mordi e fuggi’, con una prospettiva del ‘qui e ora’”.

Anche Claudio Ferrari, Presidente di Federesco, mette sul tavolo alcuni punti critici: “Da un lato c’è un rischio che tocca i sistemi di certificazione, perchè si dovranno raggiungere delle definizioni che siano il più possibile vicino alle richieste degli operatori; dall’altro, occore iniziare ad affrontare il tema della concorrenza che, per le ESCo, non riguarda altre società, ma i grandi operatori del mercato”.

E da Paolo Colombo, ANIE Energia, moniti e proposte per riuscire a far crescere di pari passo la tecnologia e il mercato: “La scheda numero 30, che da gennaio 2015 è caduta in disuso, fa sì che i costruttori non possano produrre motori al di sotto della classe di effcienza IE3. Pertanto si potrebbe iniziare a ragionare sull’espansione orizzontale della gamma di motori con estensioni fino ai 1000 kW e sull’installazione nel motore di magneti permanenti che consentirebbero importanti risparmi e il salto tecnologico dalla IE1 alla IE4”.

Di seguito alcuni nodi da sciogliere presentati dagli operatori presenti in sala.

Massimo Civati, Assistal

Alessandro Fontana, ANIMA

Dario di Santo, Fire

 

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Ivonne Carpinelli
Giornalista con la passione per l'ambiente e l'energia lavoro con Gruppo Italia Energia dal 2014. Mi occupo anche di mobilità dolce e alternativa, nuove costruzioni, economia circolare, arte e moda sostenibile. Esperta nella gestione dei social network e nel montaggio video non esco mai senza penna, taccuino e... smartphone.