Efficienza, si fa il punto a Ravenna

24

ravennaMosaicoDal 26 al 27 marzo Ravenna ospiterà la 2° edizione di REM – Renewable Energy Mediterranean, quest’anno incentrata sul tema dell’Efficienza Energetica.

Il tema è certamente di grande attualità perché è al centro della Direttiva UE e della SEN come verrà evidenziato dal Vice Ministro Claudio De Vincenti in apertura dei lavori. La sua presenza costituisce un importante segnale di attenzione all’industria energetica operante in Italia e in particolare in un territorio che ha visto crescere e consolidarsi un Distretto energetico nel pieno rispetto delle differenti peculiarità della Regione: agricole, turistiche e culturali. Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia, il miglioramento dell’efficienza energetica nell’edilizia, nei processi industriali e nel trasporto potrebbe ridurre la richiesta mondiale di energia di un terzo nel 2050 e aiutare il controllo delle emissioni globali di gas serra. Migliorare l’efficienza energetica può costituire un vero e proprio volano per la crescita del nostro paese, creando nuove opportunità occupazionali, valorizzando le filiere nazionali, oltre che rappresentare un risparmio considerevole nella bolletta energetica nazionale. Negli ultimi decenni l’industria ha notevolmente migliorato la sua efficienza energetica. Restano tuttavia vincoli di bancabilità dei progetti che talora ne ostacolano la realizzazione.

Questa poliedricità di aspetti sarà trattata nella sessione di apertura “Vision and Scenario”. Gli aspetti scientifici, economici, finanziari e commerciali evidenziati dai relatori contribuiranno a dare un quadro a 360° sull’efficienza energetica stimolando il confronto e il dibattito della Panel Discussion. Nelle sessioni successive ci sarà il contributo degli Industrial player e dei Solution provider. Da un lato le strategie e l’impegno dell’upstream petrolifero con i contributi di Eni, Edison, Appennine, Schlumberger, Saipem e GE e dall’altro i case history presentati dalle industrie energivore (Saras, Versalis, Cabot, Aitec Cementi, Emerson) che considerano l’efficienza energetica come un fattore di competitività. Il poter volgere un problema in opportunità è rappresentato dai progetti di Herambiente, Altran e Cofely con la produzione di energia dai rifiuti. Di grande interesse poi, tra i temi in esame, è quello dell’energy storage, che rappresenta il fattore chiave per lo sviluppo delle fonti rinnovabili, che viene affrontato con le esperienze fatte da Enel e dal progetto pilota di Hydrogenics che può dare un contributo sostanziale allo sviluppo dell’eolico offshore.

A conclusione del convegno una sessione sarà dedicata alle Smart cities, con alcuni esempi di eccellenza di sistemi volti ad aumentare l’efficienza energetica nei servizi alla collettività, sviluppati nella Regione, con le esperienze di Tozzi, Manutencoop, Aster, Hera Comm, UMPI. Tra gli esempi mi piace citare il progetto MHYBUS, sviluppato dal Comune di Ravenna in cooperazione con START Romagna, Aster, SOL ed ENEA, per il trasporto pubblico a idrogeno e metano, miscela che migliora l’efficienza del motore a combustione interna e ne riduce sensibilmente le emissioni inquinanti. Con questo convegno continua l’impegno di OMC a portare a Ravenna autorità ed esperti nazionali ed internazionali per condividere e confrontarsi sui temi cogenti del settore energetico.  

a cura di Enzo Titone, chairman REM

Print Friendly, PDF & Email