Efficienza energetica, un mercato invisibile che vale miliardi

18

Almeno 310 miliardi di dollari l’anno, tanto vale il mercato globale dell’efficienza energetica. A rendere noto questo valore è un rapporto della IEA che conferma la posizione dell’efficienza energetica come “primo combustibile” del mondo”.

L’efficienza energetica – ha spiegato Maria van der Hoeven, Direttore esecutivo dell’agenzia, lanciando Energy Efficiency Market Report 2014, durante lo Smart Energy Expo di Verona –  è la centrale elettrica invisibile nei paesi AIE e non, lavorando dietro le quinte per migliorare la nostra sicurezza energetica, ridurre le nostre bollette energetiche e ci avvicinarsi a raggiungere i nostri obiettivi climatici”

Il rapporto fa luce anche sull’importanza dell’efficienza energetica e di come quest’ultima stia diventando sempre di più un segmento fondamentale per la finanza, grazie alla nascita di nuovi prodotti e standard innovativi che aiutano a superare i rischi portando stabilità e fiducia nel mercato.

La relazione annuale, giunto alla sua seconda edizione, “dimostra che gli investimenti in efficienza energetica stanno contribuendo a migliorare la produttività di energia – la quantità di energia necessaria per produrre un’unità di PIL. Tra i 18 paesi dell’AIE valutati nel rapporto, il consumo totale finale di energia è sceso del 5% tra il 2001 e il 2011 principalmente per effetto degli investimenti in efficienza energetica. Consumo energetico evitato cumulativo nel decennio dal dell’efficienza energetica nei paesi dell’AIE è 1 732 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio – più grande della domanda di energia degli Stati Uniti e la Germania unita nel 2012.

Inoltre, il rapporto rivela che un  “enorme potenziale di efficienza energetica esiste nelle economie emergenti al di fuori dell’OCSE, con veicoli efficienti e di infrastrutture di trasporto una grande opportunità. L’IEA stima che l’efficienza può ridurre fino a USD 190 miliardi in costi del carburante nel settore dei trasporti a livello globale entro il 2020 e può aiutare ad alleviare l’inquinamento atmosferico locale e anche affrontare i problemi di congestione critici in rapido sviluppo di sistemi di trasporto urbano”. 

Secondo l’agenzia, circa il 40% del mercato globale dell’efficienza energetica “è finanziata con il debito e l’equità, il che significa che il mercato finanziario per l’efficienza energetica è nel range di 120 miliardi di dollari all’anno. Il numero di prodotti e il volume della finanza hanno notevolmente ampliato negli ultimi anni, con le obbligazioni verdi, obbligazioni verdi societarie, contratti di rendimento energetico, gli impegni privati, di carbonio e di finanziamenti per il clima, e le banche di sviluppo multilaterali e bilaterali, tutte le banche che offrono ampliato fonti di finanziamento miglioramenti di efficienza energetica. Prestito bilaterale e multilaterale sola ammontava a più di 22 miliardi di dollari nel 2012”.

“L’efficienza energetica – ha puntualizzato la van der Hoeven –  si sta muovendo da un interesse di nicchia a un segmento di mercato stabilito con crescente interessamento da finanziatori istituzionali e investitori. Inoltre ha concluso il Direttore Esecutivo –  è essenziale per raggiungere i nostri obiettivi climatici pur sostenendo la crescita economica, l’uso crescente della finanza è uno sviluppo positivo. Per espandere completamente questo mercato, sarà necessario trovare iniziative volte ad abbattere gli ostacoli.

Print Friendly, PDF & Email